14:48 17 Dicembre 2017
Roma+ 11°C
Mosca+ 3°C
    Miguel Arias Cañete

    L'Europa cerca alternative al gas russo

    © flickr.com/ La Moncloa Gobierno de España
    Economia
    URL abbreviato
    0 18

    L'Unione Europea prosegue la ricerca di alternative partnership strategiche per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia, afferma il commissario UE per l'Energia Miguel Arias Cañete.

    L'Unione Europea sta mettendo a punto una strategia di approvvigionamento e stoccaggio di gas naturale liquefatto, così come è impegnata nella costruzione di nuovi gasdotti per ridurre la dipendenza dalle forniture energetiche della Russia, ha dichiarato il commissario UE per l'Energia Miguel Arias Cañete a Madrid in un incontro dedicato al Gasdotto Trans-Adriatico (TAP).

    Il TAP è un gasdotto progettato per il trasporto di gas naturale dalla regione del Caspio e del Medio Oriente verso l'Europa occidentale. La lunghezza del gasdotto è di 871 km (il gasdotto si snoderà attraverso la Grecia, l'Albania, il Mar Adriatico e l'Italia), la capacità massima dell'infrastruttura è di 10 miliardi di metri cubi all'anno: secondo Cañete tale valore equivale al "consumo di energia di 7 milioni di famiglie in Europa."

    "Il TAP è una realtà. Abbiamo già ottenuto i permessi necessari e risolto il problema della salvaguardia ambientale sia in Grecia che in Italia,"- ha dichiarato Cañete.

    "Abbiamo un mercato competitivo e questa infrastruttura ci darà un'alternativa ai fornitori tradizionali e alla dipendenza dalla Russia," — ha affermato Cañete, dopo aver ricordato che dal gas russo dipendono completamente 6 dei 28 Stati membri della UE.

    Inoltre secondo il commissario, è necessario migliorare i legami in materia di energia con Paesi "alleati strategici, come l'Algeria, la Turchia, l'Azerbaijan, il Turkmenistan, i Paesi del Medio Oriente e dell'Africa ed altri possibili fornitori."

    Tags:
    Geopolitica, Energia, TAP, gasdotto, gas, Commissione Europea, Miguel Arias Cañete, Russia, Unione Europea
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik