15:14 29 Marzo 2017
    Petr Poroshenko

    Poroshenko accusa la Russia dei problemi nella vendita delle sue aziende

    © AP Photo/ Alexander Zemlianichenko
    Economia
    URL abbreviato
    0 96528

    Commentando la questione della vendita delle sue imprese, il presidente ucraino, che aveva promesso di privarsi dell'azienda dolciaria Roshen prima delle elezioni, si è lamentato di presunte interferenze russe nel processo di vendita.

    La vendita della filiale Roshen a Lipetsk, di cui Poroshenko risulta essere ancora il proprietario nonostante le promesse pre-elettorali, secondo il presidente ucraino è ostacolata dalle autorità russe. Lo ha dichiarato lo stesso Poroshenk in un'intervista al canale tv 1+1.

    Alla domanda della conduttrice sui progressi nella vendita del suo business, il presidente ucraino ha sostenuto che il processo di vendita della società Roshen va avanti e se ne sta occupando la grande compagnia d'investimenti Rothschild: in base all'accordo con il gruppo finanziario, Poroshenko non ha nessun potere sul processo di vendita e non interferisce.

    Inoltre il presidente dell'Ucraina si è lamentato che a seguito della guerra nel Paese e del difficile contesto economico, gli investitori non vogliono comprare nulla: questo è un altro motivo per cui le sue attività non sono ancora state vendute.

    Una delle promesse della campagna elettorale di Poroshenko era che, se fosse stato eletto alla presidenza del Paese, si sarebbe privato delle sue imprese, ma dopo quasi un anno da capo di Stato gli asset sono rimasti di sua proprietà. Contemporaneamente la Roshen ha aumentato i suoi profitti nel 2014 di quasi 9 volte.

    Tags:
    Finanze, Economia, Roshen, Petr Poroshenko, Russia, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik