14:10 11 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 1°C
    Rheinmetall, sede a Duesseldorf

    Sanzioni UE, la società Rheinmetall chiede risarcimento danni a Berlino per affare fallito con la Russia

    © AP Photo/ Martin Meissner
    Economia
    URL abbreviato
    0 51

    Nel 2014 il ministro dell'Economia della Germania aveva ritirato la licenza di esportazione alla società tedesca Rheinmetall, che stava per costruire su commessa un centro di addestramento militare a Mulino, nei pressi di Nizhny Novgorod. Ora l'azienda militare tedesca vuole essere risarcita.

    Il gruppo militare tedesco Rheinmetall chiede il risarcimento dei danni da parte del governo federale tedesco per il fallimento di un importante contratto con la Russia: si tratta della prima istanza legale legata alle sanzioni UE, scrive il quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung.

    I danni alla società sono stimati in 120 milioni di euro e l'obiettivo principale dell'esposto è "minimizzare il danno economico" degli azionisti della compagnia tedesca.

    La società tedesca Rheinmetall pianificava la costruzione a Mulino, nei pressi di Nizhny Novgorod, di un centro di addestramento militare per l'esercito russo: il valore del contratto, firmato nel 2011, si aggirava sui 135 milioni di euro. Circa 30mila soldati russi sarebbero potuti essere addestrati grazie alla tecnologia militare tedesca. Tuttavia l'anno scorso il ministro dell'Economia della Germania Sigmar Gabriel aveva tolto la licenza di esportazione alla società, motivando il provvedimento con le sanzioni dell'Unione Europea contro la Russia.

    Tags:
    Difesa, Giustizia, sanzioni antirusse, ministero per Economia e Finanze, governo, Rheinmetall, Unione Europea, Russia, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik