22:28 21 Luglio 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 18°C
    Le garanzie di fornitura stabile di gas russo sono importantissime per l`Europa

    Forniture di gas al Donbass: transito verso l’Europa non è in pericolo

    © Sputnik. Ramil Sitdikov
    Economia
    URL abbreviato
    0 308 0 0

    Quella del gas rimane una questione difficile sia dal punto di vista giuridico, sia sul piano tecnico e politico. Ciò emerge dall’incontro trilaterale tra Kiev, Mosca e Commissione europea, svolto a Bruxelles.

    Il principale risultato di questo primo incontro trilaterale dell'anno è la dichiarazione rilasciata dalle parti, secondo cui le forniture dirette del gas russo al Donbass non saranno effettuate con i soldi che vengono anticipati dall'ucraina "Naftogaz". In tal modo, non ci sono rischi per il transito del gas verso l'Europa. Ciò nonostante le parti hanno rilevato che la questione rimane difficile dal punto di vista giuridico, tecnico e politico, pertanto la soluzione è stata rinviata.

    Per quanto riguarda le quantità e i prezzi del gas da fornire all'Ucraina dopo la scadenza del "pacchetto invernale", la questione è stata esaminata, ma non è stata raggiunta alcuna decisione concreta. Quando si parlava di "pacchetto estivo", le parti ostentavano indifferenza.

    Si crea l'impressione che sia Russia che Ucraina abbiano accettato l'invito della Commissione europea senza intenzione di raggiungere degli accordi concreti. Evidentemente la "battaglia" principale sarà disputata in seguito, quando l'Ucraina dovrà creare delle riserve nei suoi depositi per l'inverno successivo e tutte e tre le parti saranno interessate a risolvere la spinosa questione.

    Donbass resta fuori

    Sebbene il tema dell'incontro a tre riguardasse soltanto il "pachetto invernale", le parti non potevano non parlare di forniture al Donbass.

    Dopo la fine dell'incontro il ministro dell'Energia della Russia ha riconfermato che al momento le forniture al Donbass non sono conteggiate nei pagamenti di "Naftogaz" (che compra il gas secondo la formula del prepagato), ma vengono effettuate nell'ambito del contratto firmato tra "Gazprom" e "Naftogaz" nel 2009. "Ciò sarà tema di una verifica a parte e di una trattativa separata", — ha detto Novak.

    Dal 19 febbraio, quando Kiev ha cessato l'erogazione del gas alla regione, "Gazprom" ha fornito alle Repubbliche autoproclamate di Lugansk e Donetsk 100 milioni di metri cubi. Considerato che l'Ucraina paga attualmente 329 dollari per mille metri cubi, ciò equivale a 32,9 milioni di dollari, ma dopo l'incontro di Bruxelles rimane non chiaro a chi sarà fatturata la quantità in questione.

    È stata sollevata anche l'ipotesi di costituire un gruppo di lavoro per discutere le forniture a Donetsk e Lugansk, ma alla fine non è stato deciso nulla.

    Pacchetto estivo

    Russia e Ucraina hanno iniziato la discussione sulle forniture nel periodo estivo, ma la discussione ha dimostrato che le parti vedono il problema in maniera diversa.

    La parte ucraina ha dichiarato che la questione non è critica, perché in questo momento le posizioni dell'Ucraina sono forti grazie alla riduzione stagionale dei consumi e grazie al gas che sta ricevendo dall'Europa.

    Il ministro russo, Aleksandr Novak, non ha escluso che il prezzo del secondo trimestre possa essere conveniente per l'Ucraina e quindi gli sconti non saranno necessari. La formula alla base del contratto in essere lega il prezzo del gas a quello del petrolio.

    Šefčovič, reazione moderata

    Il vice presidente della Commissione europea per l'unione energetica, Maroš Šefčovič, non ha voluto commentare in dettaglio i risultati dell'incontro. La Commissione ha rilasciato soltanto una dichiarazione scritta in cui ha assicurato che le il transito del gas destinato all'Europa non è in pericolo.

     

     

    Correlati:

    Alta tensione tra Mosca e Kiev sul gas. Vertice a Bruxelles.
    Gazprom non viola gli accordi invernali sulle forniture di gas in Ucraina
    Tags:
    incontro trilaterale, Comissione europea, Alexander Novak, Bruxelles, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik