20:52 02 Dicembre 2016
    Angela Merkel

    La Germania tende una mano ad Atene

    © Sputnik. Grigoriy Sisoev
    Economia
    URL abbreviato
    0 10101

    Il Bundestag tedesco ha approvato a larga maggioranza il prolungamento degli aiuti alla Grecia. Si sono registrati 542 sì, 32 no e 13 astenuti.

    Alla presenza della cancelliera Angela Merkel, il Bundestag, la decisiva camera bassa del parlamento federale, ha votato via libera alla proroga di quattro mesi agli aiuti alla Grecia.

    Il governo, tramite l'intervento del ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble, ha chiesto ai parlamentari di confermare la prosecuzione del programma già deliberato in sede europea.

    Il ministro delle Finanze ha fatto appello alla vocazione europeista del Paese: "Noi tedeschi dobbiamo fare di tutto perché l'Unione Europea resti insieme. Il nostro futuro, e in particolare quello della Germania, può essere buono soltanto nell'Europa unita". Il titolare delle finanze ha aggiunto in un intento chiarificatore: "Non si tratta di altri miliardi alla Grecia, né di modificare in alcun modo il piano di accordi, bensì di accordare più tempo per completare con successo questo programma. La Grecia non può decidere da sola" quando di mezzo ci sono soldi dei contribuenti di tutti i paesi. Atene dovrà rispettare gli impegni intrapresi con i partner europei senza "ricatti reciproci".

    Wolfgang Schaeuble, chiedendo un pronunciamento difficile per i parlamentari tedeschi, ha sottolineato come la discussione non sia stata semplice con il nuovo governo greco. Il ministro ha spiegato che "il voto di oggi serve a dare più tempo alla Grecia, per realizzare con successo il suo programma" e ha chiesto di aiutare la Grecia "in misura straordinaria, per darle il tempo di diventare di nuovo competitiva sul mercato. Se la Grecia volesse cambiare il programma, questo dovrebbe essere valutato dalle tre istituzioni, che noi in modo sintetico abbiamo chiamato troika, e poi dall'Eurogruppo, e, quindi, i parlamentari tedeschi dovrebbero pronunciarsi di nuovo".

    Il voto è avvenuto dopo che, ieri, il popolare quotidiano ‘Bild' ha pubblicato gli esiti di un sondaggio secondo il quale solamente il 21% della popolazione tedesca sarebbe favorevole all'approvazione di nuovi crediti per la Grecia e, in generale, all'idea di tentare ancora di salvare Atene.

    Il sondaggio rivela umori profondi e diffusi di cui Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble, devono tenere conto sul piano politico, anche all'interno della maggioranza.

    Non a caso, nel gruppo parlamentare cducsu si sta sviluppando una corrente neoconservatrice, composta da ben 22 parlamentari che oggi hanno dichiarato di avere votato contro alle misure europee di salvataggio per Atene.

    Tra i frondisti, anche l'ex ministro Peter Ramsauer e altri esponenti politici di prim'ordine.

    Correlati:

    Foreign Policy: la moneta unica era una pessima idea sin dall’inizio
    Grecia: “Colpirne uno per educarne cento”
    La tragedia greca dell’eurozona
    Tags:
    Wolfgang Schaeuble, Angela Merkel, Grecia, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41079
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4425
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71016
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1614
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121513
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631