20:50 02 Dicembre 2016
    Ucraina e banca di sviluppo statale tedesca KfW firmeranno giovedì un accordo per un prestito del valore di 200 milioni di euro

    Foreign Policy: la moneta unica europea era una pessima idea sin dall’inizio

    © Foto: Robert & Mihaela Vicol
    Economia
    URL abbreviato
    0 8020

    Paola Subacchi, Direttore dei programmi di ricerca sull’economia internazionale presso la Chatman House, crede che l’unione economica e monetaria sia nata sulla base del presupposto sbagliato.

    La moneta unica e il mercato comune dovrebbero prevalere sugli interessi nazionali dei singoli paesi. In un suo articolo pubblicato dalla rivista Foreign Policy, la Subacchi scrive che il pericolo di destabilizzazione finanziaria dell'Unione Europea continua ad esserci nonostante gli accordi tra Grecia e UE. 

           "L'economia sulla quale si basava la politica monetaria europea non era buona sin dall'inizio. Ancora nel 1996 l'economista tedesco Rudiger Dornbusch scrisse sulle pagine di Foreign Policy: "Se mai ci dovesse essere un'idea sbagliata, è quella dell'unione economica e monetaria europea", — sottolinea Paola Subacchi.

    Secondo la ricercatrice la moneta unica ha già avuto delle conseguenze negative per vari paesi d'Europa. "L'esistenza dell'euro nel contesto della molteplicità delle preferenze nazionali ha avuto come conseguenza una lunga recessione, alti tassi di disoccupazione, calo del tenore di vita in alcuni paesi, crescita incontrollabile dei debiti e proliferazione di euroscetticismo".

    Paola Subacchi crede che dopo l'inizio della crisi la discussione dei problemi dell'eurozona non sia stata sufficientemente ampia, mentre l'atteggiamento dei paesi economicamente e politicamente più forti, come la Germania, è servito a trasformare l'unione monetaria, con valore fisso della moneta, in un "sistema punitivo".

    "Quello di unione economica e monetaria è un progetto politico", — riassume Paola Subacchi. La storia degli ultimi dimostra che ha perfettamente ragione.

    Correlati:

    Conti pubblici, L'Italia evita la procedura di infrazione UE
    Grecia: “Colpirne uno per educarne cento”
    Tags:
    politica monetaria, Forein Policy, Unione Europea
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41073
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4424
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71014
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1613
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121513
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631