00:39 11 Aprile 2021
Difesa
URL abbreviato
1131
Seguici su

La posizione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) sui lanci missilistici di Pyongyang è manifestazione di una politica di doppi standard che viola la sovranità del Paese asiatico e il diritto all'autodifesa. Lo ha detto lunedì Jo Chol Su, alto funzionario del ministero degli Esteri nordcoreano.

La Corea del Nord ha condotto due test missilistici negli ultimi giorni: sono stati lanciati due missili da crociera verso il Mar Giallo il 21 marzo e due missili balistici verso il Mar del Giappone il 25 marzo. Sebbene Pyongyang abbia descritto i test come un diritto di uno Stato sovrano per autodifesa, i lanci hanno suscitato preoccupazioni in un certo numero di Stati, che per il prossimo martedì hanno chiesto consultazioni private in merito al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

"Costituisce una negazione dello Stato sovrano e un apparente doppio standard quello dell'UNSC, sulla base delle 'risoluzioni' delle Nazioni Unite - prodotti diretti della politica ostile degli Stati Uniti verso la Corea del Nord - in relazione a normali attività che rientrano nel diritto del nostro Stato all'autodifesa", ha detto in un comunicato diffuso domenica dall'agenzia di stampa ufficiale Kcna il direttore generale del Dipartimento per le organizzazioni internazionali del ministero degli Affari esteri nordcoreano.

Il diplomatico ha ricordato che l'organismo delle Nazioni Unite è rimasto in silenzio quando gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco aereo nella Siria orientale alla fine di febbraio; quando il Regno Unito ha annunciato il drastico aumento delle proprie testate nucleari; quando la Francia ha testato un missile balistico intercontinentale a più punte di nuova generazione.

"Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non ha per nulla messo in discussione o preso in considerazione tali atti. È davvero assurdo che tali Paesi, che minano la pace e la stabilità globali, stiano prendendo in considerazione la nostra misura di autodifesa", si legge nella dichiarazione.

Secondo il funzionario, continuando con una politica a doppio standard, l'Onu contribuirà solo all'aggravarsi della situazione e al confronto - non al dialogo - nella penisola coreana.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook