15:25 17 Maggio 2021
Difesa
URL abbreviato
754
Seguici su

I militanti in Siria stanno pianificando di mettere in scena un attacco con l'uso di armi chimiche per accusare di ciò le autorità della Repubblica, ha affermato il contrammiraglio Vyacheslav Sytnik, vice direttore del Centro russo per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto.

Sytnik ha fatto sapere che al Centro russo per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto sono state comunicate informazioni sulla preparazione di una provocazione con l'uso di agenti tossici nel nord-est della zona di de-escalation di Idlib da parte del gruppo terroristico Hayat Tahrir Al-Sham.

"Stando alle informazioni a disposizione, i militanti stanno pianificando un finto attacco chimico con le eventuali ripercussioni, ovvero vittime e feriti tra i civili locali, con l'obiettivo di accusare in seguito le forze governative siriane di aver usato armi chimiche contro la popolazione civile", ha detto il contrammiraglio.

Ha aggiunto che i terroristi hanno consegnato in diversi camion contenitori con sostanze tossiche, presumibilmente cloro, in una zona vicino all'insediamento di Tarmanin.

Ultimamente i militari russi spesso segnalano provocazioni di questo tipo in Siria. Lo scorso 15 febbraio è stata segnalata la preparazione di un'altra messinscena con il coinvolgimento dell'organizzazione Caschi Bianchi.

La Siria ha ripetutamente respinto le accuse di aver usato armi chimiche dopo averle distrutte nell'ambito di un accordo mediato dalla Russia con l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) nel 2013.

Il governo di Damasco aveva diverse volte accusato i militanti dell'organizzazione di attacchi con l'uso di sostanze tossiche, che sarebbero stati poi utilizzati dalle forze occidentali per giustificare attività militari sul territorio siriano.

Il conflitto armato in Siria è in corso dal 2011. Alla fine del 2017, è stata annunciata la vittoria sul gruppo terroristico dello Stato Islamico in Siria e Iraq. In alcune aree del territorio siriano continua la guerra ai terroristi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook