07:17 23 Gennaio 2021
Difesa
URL abbreviato
1505
Seguici su

A Roma il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha firmato con il capo del dicastero militare del governo di accordo nazionale libico Salahuddin Al-Namroush un accordo di cooperazione militare congiunta.

Nella capitale presso la sede dello Stato Maggiore dell’Esercito Italiano il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha accolto l'omologo del governo di accordo nazionale libico Salahuddin Al-Namroush, con cui è stato firmato un importante documento che rafforza le relazioni tra Roma e Tripoli: l'accordo di cooperazione militare congiunta.

Come rimarcato dal titolare del dicastero della Difesa Guerini, l'accordo punta a "a sostenere il processo di stabilizzazione che tutti auspichiamo".

"Può essere considerata la prima seduta della Commissione congiunta italo-libica, che ci consentirà di dare continuità al nostro dialogo e decidere assieme le modalità e la priorità del supporto italiano allo sviluppo di capacità delle Forze Armate libiche", ha aggiunto Guerini durante la presentazione del documento.

L'intesa raggiunta interessa diversi ambiti: la collaborazione sanitaria, la formazione delle forze armate libiche e le attività di sminamento.

Crisi libica

Dopo la fine del regime di Gheddafi, la Libia ha cessato di essere uno Stato unitario: in conflitto ci sono il governo di accordo nazionale, riconosciuto dalla comunità internazionale, che controlla Tripoli e territori nella parte occidentale del Paese, e l'Esercito Nazionale Libico comandato dal maresciallo Khalifa Haftar, che coopera con il parlamento in Cirenaica (parte orientale del Paese). Tripoli è supportato militarmente dalla Turchia, mentre le forze di Haftar sono sostenute dall'Egitto.

Tags:
Cooperazione militare, crisi in Libia, Libia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook