10:15 23 Gennaio 2021
Difesa
URL abbreviato
261
Seguici su

La collaborazione tra Leonardo e l'Aeronautica Militare porterà ad integrare la flotta di quest'ultima con un totale di 17 nuovi velivoli multiruolo, adatti per missioni di ricerca e soccorso alla popolazione civile, operazioni antincendio e altre.

Nella giornata di oggi Leonardo, azienda italiana leader nei settori della Difesa e dell'Aerospazio, ha annunciato la consegna del primo elicottero bimotore HH-139B all'Aeronautica Militare Italiana.

A quanto si apprende dal comunicato ufficiale, quello consegnato oggi dallo stabilimento Leonardo di Vergiate (VA) è il primo di 17 velivoli previsti. In questo senso, l'azienda ha reso noto che la consegna di tutte le macchine sarà completata entro il 2021.

L'elicottero consegnato oggi, invece, entrerà immediatamente in servizio con il 15° Stormo e sarà impiegato in missioni di ricerca e soccorso, oltre che di cooperazione ed intervento in soccorso della popolazione civile in caso di calamità naturale, ma potrà svolgere anche missioni antincendio o di intercettazioni di velivoli a basse prestazioni, andando così ad integrare la flotta di 13 HH-139A multiruolo e a 4 VH-139A.

La scheda tecnica dell'HH-139B

Il modello HH-139B risulta essere una variante personalizzata dell'AW139, un altro velivolo ampiamente apprezzato in tutto il mondo, con ordini effettuati da più di 280 clienti in oltre 70 Paesi, e già adottato in Italia dalla Guardia di Finanza, dalla Polizia di Stato, dalla Guardia Costiera, dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri.

  • Tale variante presenta un peso massimo al decollo di 7 tonnellate
  • un nuovo sistema elettro-ottico
  • un nuovo radar
  • un nuovo verricello di recupero
  • una console di missione in cabina
  • sarà inoltre dotato di un'avionica di base più aggiornata, per una capacità di navigazione migliorata e una maggiore sicurezza a bordo in qualsiasi condizione meteo.

Come affermato da Leonardo, l'adozione dell'HH-139B risulta essere per l'Aeronautica Militare Italiana "un importante salto di qualità in termini di sicurezza nazionale, capacità di risposta alle emergenze e costo/efficacia per la gestione dell’intero ciclo di vita del prodotto in futuro".

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook