04:05 29 Novembre 2020
Difesa
URL abbreviato
7218
Seguici su

Il 22 novembre si conclude il termine dei sei mesi dati dal presidente Donald Trump, dopo l'annuncio del ritiro degli USA dall'accordo militare internazionale

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha confermato il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti il ​​21 maggio, adducendo come ragione le presunte violazioni della Russia e accuse di mancanza di conformità. Mosca ha costantemente negato tutte le accuse.

Molti paesi europei hanno espresso rammarico per la mossa di Trump e hanno espresso la speranza che la Casa Bianca ci riconsideri.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto all'inizio di questo mese che Mosca chiederà ai suoi partner all'interno del trattato di fornire delle garanzie legali sulla non condivisione dei dati di volo con gli USA. Da allora il Regno Unito, la Germania e la Francia hanno ribadito il loro impegno nei confronti del trattato.

A luglio, il capo del Centro nazionale russo per la riduzione del rischio nucleare, Sergei Ryzhkov, ha affermato che gli USA stanno affrontando un divario tecnologico di 6-7 anni rispetto alla Russia nella sfera delle tecnologie legate al Trattato sui cieli aperti.

Il Trattato sui cieli aperti consente ai partecipanti di effettuare la sorveglianza aerea come parte di un programma di voli di osservazione programmati. Oltre 30 paesi partecipano al programma, creato per aumentare la trasparenza nelle attività militari.

Tags:
trattato sui Cieli aperti, Cieli Aperti, NATO, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook