20:34 24 Ottobre 2020
Difesa
URL abbreviato
4301
Seguici su

La Corea del Nord ha effettuato un test su quello che si pensava fosse il suo missile balistico intercontinentale a più lungo raggio, l'Hwasong-15, nel novembre 2017. Con una gittata di ben 13.000 km, confermata nel 2019, il missile nucleare è teoricamente in grado di colpire qualsiasi punto degli Stati Uniti.

Durante la parata militare dedicata al 75° anniversario della fondazione del Partito del Lavoro di Corea, la tv di stato nord-coreana ha trasmesso filmati di quello che sembra essere un nuovo missile balistico intercontinentale mai visto prima.

​Quattro dei missili sono stati mostrati a bordo di veicoli trasportatori-erettori dotati di 11 assi, due in più rispetto ai 9 di quello fotografato in precedenza mentre trasportava il missile nucleare Hwasong-15.

Il sistema missilistico era una delle decine di armi messe in mostra alla parata, in cui c'era di tutto: carri armati, artiglieria mobile, sistemi di difesa costiera, artiglieria a lungo raggio, difese aeree e altri missili nucleari - incluso il Pukguksong-3, un nuovo missile balistico a combustibile solido lanciato da sottomarini.

​In un discorso tenuto per l'evento, il leader nordcoreano Kim Jong-un ha sottolineato che il suo paese sta rafforzando le sue capacità militari come deterrente, sottolineando che Pyongyang colpirebbe solo come "rappresaglia" a una provocazione nemica.

"Continueremo a rafforzare la nostra deterrenza per l'autodifesa al fine di scoraggiare, controllare e gestire tutti i tentativi pericolosi e gli atti minacciosi, comprese le minacce nucleari in continua crescita, da parte di forze ostili", ha detto.

Il leader non ha menzionato gli Stati Uniti nel suo discorso, ma ha inviato gli auguri ai sudcoreani, augurando loro una pronta ripresa dalla pandemia di coronavirus, lodando i suoi compatrioti per "proteggere il Paese e se stessi" dal virus.

Kim Jong-un ha anche invitato i nordcoreani a rimanere saldi di fronte alle "enormi sfide" che giungono dalle schiaccianti sanzioni statunitensi, dalla necessità di prendere precauzioni contro il coronavirus e dalle devastanti inondazioni che hanno colpito il paese nelle ultime settimane, scusandosi per il suo fallimento nel mantenere le promesse di migliorare gli standard di vita del suo popolo.

"Mi vergogno di non essere stato in grado di ripagarvi adeguatamente per la vostra enorme fiducia. I miei sforzi e la mia devozione non sono stati sufficienti per portare la nostra gente fuori dalle sue difficili condizioni di vita", ha detto.

Markus Garlauskas, un ex ufficiale dell'intelligence statunitense specializzato nellaCorea del Nord, ha espresso preoccupazione per le potenziali nuove capacità di missile balistico intercontinentale.

"Se l'Hwasong-15 può recapitare una testata nucleare 'super-large' ovunque negli Stati Uniti, la domanda che sorge spontanea è: che cosa può trasportare questo missile ancora più grande?", si è chiesto.

Funzionari nordcoreani e statunitensi hanno portato avanti diversi round di colloqui sulla prospettiva di denuclearizzare la penisola coreana, con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che ha compiuto il passo senza precedenti di incontrare Kim in diverse occasioni. Nonostante il rapporto personale instaurato tra i due capi di Stato, i colloqui non hanno portato a una battuta d'arresto nei programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord, con Washington che - in mancanza della denuclearizzazione di Pyongyang - si è rifiutata di revocare le sanzioni contro il paese, ridurre la sua presenza militare in Corea del Sud o interrompere le trivellazioni congiunte.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook