14:43 24 Ottobre 2020
Difesa
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (82)
0 29
Seguici su

Il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha pubblicato un video in cui vengono mostrati i bombardamenti dei mezzi militari armeni.

Il filmato, pubblicato sul canale Youtube del Ministero della Difesa azero mostra come vengono presi di mira i mezzi militari armeni, dopodiché seguono colpi precisi sui bersagli.

“In seguito alla controffensiva delle unità dell’Esercito dell’Azerbaigian su diverse direzioni del fronte sono stati colpiti diverse unità e mezzi militari dell’esercito armeno”, si legge nella descrizione del video.

In precedenza, il dicastero militare armeno aveva pubblicato un video, che dimostra carri armati azeri in fiamme.

Escalation nel Nagorno-Karabakh

La situazione sulla linea di contatto nel Nagorno-Karabakh si è inasprita oggi 27 settembre. Azerbaigian e Armenia si accusano a vicenda di aver compiuto bombardamenti

Nella mattinata odierna il Ministero della Difesa azero ha annunciato l'inizio di una "controffensiva" nella regione del Nagorno-Karabakh, riferendo di aver distrutto 12 sistemi missilistici OSA delle forze di difesa antiaeree armene.

Poco prima, la portavoce del Ministero della Difesa armeno, Shushán Stepanián, avevo pubblicato su Facebook un comunicato in cui veniva confermato l'abbattimento di due elicotteri e tre droni nemici.

Le origini del conflitto

ll conflitto nella regione è scoppiato nel 1988, quando la regione autonoma autonomo del Nagorno-Karabakh ha dichiarato l'uscita dalla Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian.

La situazione è peggiorata nell'aprile 2016. Il ministero della Difesa azero aveva segnalato tra l'altro attacchi da parte delle forze armate dell'Armenia, mentre il dicastero militare di Yerevan aveva denunciato "azioni offensive" delle forze azere. Il 5 aprile le parti trovarono un accordo per il cessate il fuoco, ma di volta in volta si accusano a vicenda di violazioni della tregua.

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (82)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook