05:11 24 Ottobre 2020
Difesa
URL abbreviato
0 04
Seguici su

Si dice che il test abbia sfruttato i recenti progressi del Pentagono nella tecnologia dell'intelligenza artificiale.

L'ufficio del sottosegretario alla Difesa per la ricerca e l'ingegneria del Pentagono ha mostrato filmati di un test missilistico antibalistico delle forze aeree che ha visto la distruzione in volo di un missile da crociera con capacità ipersoniche lanciato da un obice.

Il filmato mostra un missile da crociera che viene lancia verso il suo bersaglio, con obici che esplodono quelli che sembrano due diversi calibri di proiettili. Questi ultimi alla fine lo distruggono con una musica drammatica di sottofondo.

Il "finto missile russo" nel video sembra essere un BQM-167 Skeeter, un drone bersaglio aereo gestito dall'aeronautica americana regolarmente utilizzato per il tiro al bersaglio. Il drone ha una velocità massima stimata di Mach 0.91 (1.115 km all'ora, che è significativamente più lenta di qualsiasi nuova vera arma ipersonica russa) e un costo unitario di $ 570.000.

Si dice che il sistema di difesa possa essere montato sulle navi da guerra statunitensi, tra cui l'Arleigh Burke e la nuova classe di cacciatorpediniere Zumwalt, ed è considerato un'alternativa economica alle difese missilistiche basate sui missili.

Il test, che ha avuto luogo presso il poligono missilistico di White Sands nel New Mexico il 3 settembre, faceva parte del lavoro in corso sul cosiddetto "Advanced Battle Management System" (ABMS) per il nuovo Joint All-Domain Command and Control del Pentagono, o JADC2, che mira a creare una rete in grado di condividere tutti i tipi d'informazioni attraverso spazi fisici (terra, mare, aria, spazio) e digitali (cyberspazio).

Il Pentagono afferma che i missili "russi" utilizzati sono stati rilevati e distrutti utilizzando un software avanzato basato sull'intelligenza artificiale che potrebbe essere utilizzato in possibili conflitti futuri con la Russia o la Cina.

Will Roper, assistente segretario dell'Air Force for Acquisition, Technology and Logistics, ha elogiato i risultati del test, sottolineando che "i futuri campi di battaglia saranno caratterizzati dalla saturazione delle informazioni".

​Il test dell'Advanced Battle Management System è iniziato a dicembre, con Washington che ha investito $ 3,3 miliardi nel progetto. Il programma è stato oggetto di critiche negli ultimi mesi a seguito del rilascio di un pungente rapporto da parte del Government Accountability Office che diceva che era stato approvato senza elementi di pianificazione chiave come precisi standard di successo, stime dei costi, un'analisi di accessibilità economica e come i militari intendono mettere in campo il nuovo tecnologia.

Le armi ipersoniche russe

La Russia ha presentato il suo programma di armi ipersoniche nel 2018, con il sistema missilistico ipersonico Kinzhal  messo in campo a partire dalla fine del 2017, e altri sistemi, tra cui il missile balistico intercontinentale RS-28 Sarmat, dovrebbe entrare in servizio nel prossimi anni. Il Kinzhal ha una velocità massima stimata fino a Mach 10 (12.350 km all'ora) e ha la capacità di manovrare durante il volo, rendendo quasi impossibile la sua intercettazione e distruzione.

Mosca ha sottolineato che i suoi nuovi missili sono in grado di eludere qualsiasi difesa aerea nemica esistente o potenziale e che sono progettati per fungere da risposta asimmetrica alle piattaforme di difesa missilistica statunitensi, comprese quelle installate in Polonia e Romania. I funzionari militari russi affermano che il loro obiettivo principale nel mettere in campo le armi è garantire la conservazione della stabilità strategica globale, inclusa la garanzia della capacità russa di rispondere in caso di primo attacco nucleare o convenzionale di massa del nemico.

Correlati:

Russia e India lanceranno un nuovo missile cruise BrahMos entro il 2024
Ministro Esteri iraniano Zarif denuncia "ipocrisia" USA su missili nucleari
Incidente di un caccia Su-27 in Crimea a marzo per esplosione missile - capo sicurezza dei voli
Tags:
Test
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook