10:39 19 Settembre 2020
Difesa
URL abbreviato
0 200
Seguici su

Un caccia MiG-29 russo ha accompagnato un aereo da ricognizione britannico sul Mare di Barents, ha comunicato il Centro di controllo della difesa nazionale della Federazione Russa.

Il fatto è avvenuto oggi. Le forze di difesa aerea della Flotta del Nord hanno scoperto un velivolo sulle acque neutrali del Mare di Barents in avvicinamento ai confini russi.

Per identificare l'obiettivo, un caccia MiG-29 è stato fatto decollare.

"L'equipaggio del caccia russo ha identificato l'obiettivo come l'aereo da ricognizione strategico R.1 Sentinel della RAF britannica e lo ha scortato sul Mare di Barents. Dopo che l'aereo straniero si è allontanato dal confine della Federazione Russa, il caccia russo è tornato in sicurezza alla sua base", si aggiunge nella nota.

Il volo del caccia russo MiG-29 è stato effettuato in stretta conformità con le norme internazionali per l'uso dello spazio aereo.

All'aereo da ricognizione britannico non è stato permesso di sconfinare nel territorio russo.

Inoltre un altro velivolo è stato rilevato sulle acque internazionali del Mare di Barents. Questa volta un caccia MiG-31 è stato fatto decollare per intercettarlo.

L'equipaggio dell'aereo russo lo ha identificato come il velivolo da pattugliamento P-3C Orion dell'aviazione militare norvegese.

Quando l'aereo straniero si è allontanato dai confini russi, il MiG-31 è tornato in sicurezza alla sua base di dislocazione permanente.

Nell'ultimo periodo si sono intensificati gli intercettamenti di aerei militari stranieri in prossimità dei confini russi nel Mare di Barents: l'ultimo episodio risale al 5 settembre, quando i caccia russi MiG-31 hanno intercettato un aereo da pattuglia P-3C Orion dell’aeronautica militare norvegese.

Tags:
Mare di Barents, MiG-29, Regno Unito, Russia, Difesa, Sicurezza
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook