19:12 30 Settembre 2020
Difesa
URL abbreviato
0 60
Seguici su

Il Centro di controllo della difesa nazionale della Federazione Russa ha riferito che dei caccia Su-27 sono stati fatti decollare oggi per intercettare diversi aerei militari della NATO sul Mar Nero e sul Mar Baltico.

Cieli turbolenti ai confini dello spazio aereo russo: alcuni caccia SU-27 della marina russa si sono alzati in volo per intercettare obiettivi stranieri sulle acque del Mar Nero e del Mar Baltico.

"Il 28 agosto, i dispositivi russi di controllo dello spazio aereo sulle acque neutrali del Mar Nero hanno rilevato un obiettivo aereo che si avvicinava al confine di stato della Federazione Russa. Per identificare l'obiettivo aereo e prevenire la violazione del confine di Stato della Federazione Russa, sono stati fatti decollare due caccia Su-27 delle forze di difesa aerea in servizio del Distretto militare meridionale", riferisce un comunicato.

L'obbiettivo aereo è stato identificato come un bombardiere strategico B-52H dell'aeronautica statunitense. Il comunicato osserva il velivolo straniero in seguito si è allontanato dai confini russi, che non sono stati violati.

Un altro episodio simile si è verificato oggi sulle acque neutrali del Mar Baltico.

Come dichiarato dal Centro in un altro comunicato, i dispositivi di controllo dello spazio aereo sulle acque internazionali del Mar Baltico hanno rilevato tre obiettivi aerei in avvicinamento verso i confini della Russia.

"Per identificare gli obiettivi aerei e impedire lo sconfinamento nel territorio russo, un caccia Su-27 delle forze di difesa aerea della Flotta Baltica è stato fatto decollare. L'equipaggio del caccia russo da una distanza di sicurezza ha identificato gli obiettivi aerei come un aereo da ricognizione strategica RC-135 dell'aeronautica statunitense, un aereo da ricognizione Gulfstream dell'aeronautica svedese e un aereo da ricognizione Challenger dell'aeronautica danese", afferma il comunicato.

Anche in questo caso i confini russi non sono stati violati.

Il Centro di controllo della difesa nazionale della Federazione Russa sottolinea che i voli degli aerei russi sono stati effettuati rigorosamente in conformità con le norme internazionali per l'uso dello spazio aereo.

Recentemente i casi di intercettamento di aerei da ricognizione americani e occidentali vicino ai confini russi sono diventati più frequenti: dall'inizio di agosto sono stati segnalati deversi episodi di questo tipo. L'ultimo episodio simile è stato registrato mercoledì quando un caccia russo MiG-31 ha intercettato sul Mare di Barents un R-3C Orion dell'aeronautica norvegese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook