22:37 21 Settembre 2020
Difesa
URL abbreviato
642
Seguici su

Il missile da crociera ipersonico BrahMos sarà creato prima del 2028, ha rivelato ai media russi Alexander Maksichev, co-direttore della joint venture russo-indiana BrahMos.

"Ad oggi, la questione della creazione del un razzo ipersonico BrahMos è divisa in due fasi: la prima è la creazione di un vettore con una velocità che arrivi fino Mach 4-5 e che si prevede sarà ultimato entro il 2024-2025, la seconda è la creazione di un vettore con una velocità Mach 6-7 da realizzare entro il 2026-2027", ha detto Maksichev.

Secondo questi, gli specialisti della ‘Brahmos’ avrebbero già testato alcuni degli elementi e dei gruppi del razzo, consentendo di sviluppare tali velocità.

Nonostante la pandemia, il portafoglio ordini della joint venture russo-indiana Bramos per la produzione di missili, è aumentato di un miliardo di dollari in sei mesi, ha tenuto a sottolineare Maksichev.

A febbraio di quest'anno, il portafoglio era di 4,5 miliardi di dollari.

"Nonostante la pandemia di coronavirus, il portafoglio ordini della società russo-indiana Brahmos è aumentato di un miliardo di dollari dall'inizio dell'anno", ha detto Maksichev specificando che il 40% degli ordini riguarda le forze di terra, mentre 30% ciascuno per forze aeree e navali.

Il primo contratto di esportazione per la fornitura di missili a un paese terzo dovrebbe essere firmato entro la fine di quest'anno, ha aggiunto Maksichev.

"A causa della pandemia, continuiamo ad aspettare l'apertura delle frontiere. Non appena ciò avverrà, il contratto sarà firmato immediatamente", ha detto il co-direttore della joint venture russo-indiana ai media, preferendo però non nominare il paese acquirente.

La joint venture russo-indiana "Brahmos" (nata dalla russa NPO Mashinostroeniya e l'Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa dell'India), fondata nel 1998, è specializzata nella creazione di missili supersonici per forze navali, subacquee, costiere, terrestri e aeree.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook