11:37 19 Settembre 2020
Difesa
URL abbreviato
2253
Seguici su

Sabato, il presidente bielorusso ha ordinato il trasferimento di una brigata d'assalto aereo dalla regione di Vitebsk nel nord-est del paese alla regione di Grodno, vicino ai confini della Bielorussia con Polonia e Lituania, dopo aver espresso preoccupazione per l'aumento dell'attività militare nei due Stati membri della NATO.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha annunciato che è in corso un concentramento delle forze della NATO, inclusi carri armati e aerei, ai confini occidentali del suo paese e ha avvertito che non permetterà a potenze straniere d'interferire negli affari politici interni del paese.

"Guardatevi intorno: ci sono carri armati, ci sono aerei che decollano a 15 minuti dai nostri confini. E questo non avviene per caso! Le forze della NATO stanno schierando i loro carri armati alle nostre porte. Un concentramento di forze militari è in corso vicino al confine occidentale", ha detto Lukashenko, parlando a una manifestazione di sostenitori a Minsk domenica.

Intervenendo davanti a migliaia di sostenitori, il primo comizio dalle elezioni presidenziali di domenica scorsa e dalla settimana di disordini che ne è seguita, il presidente bielorusso ha sottolineato che non accetterà una nuova tornata di elezioni come richiesto dall'estero.

"La Lituania, la Lettonia, la Polonia e, sfortunatamente, la nostra fraterna Ucraina e la sua leadership ci stanno ordinando di tenere nuove elezioni. Se accettiamo di essere allineati, andremo in tilt e non stabilizzeremo mai più il nostro dirigibile (di stato). Noi moriremo come Stato, come popolo, come nazione", ha detto Lukashenko.

Affrontando le accuse di esponenti dell'opposizione secondo cui avrebbe falsificato le elezioni, Lukashenko ha affermato che era impossibile, date le dimensioni del suo margine di vittoria. "Le elezioni si sono svolte. È impossibile falsificare un risultato con oltre l'80%. Questo non può accadere... Chi terrà queste nuove elezioni? Chi parteciperà a queste elezioni? Banditi e ladri!" ha suggerito.

Il presidente ha aggiunto che non permetterà che la Bielorussia venga ceduta a nessuno. "Insieme, abbiamo costruito, nonostante le difficoltà e le mancanze, un bel paese... Se qualcuno vuole rinunciare al paese, anche quando sarà morto, non glielo permetterò", ha detto.

Il leader bielorusso, al potere dal 1994, e domenica scorsa ha vinto il sesto mandato consecutivo, ha aggiunto di non essere aggrappato al potere. "Non sono qui perché ho afferrato saldamente il potere. Per un quarto di secolo, ho dato la mia giovinezza e gli anni migliori della mia vita per servire voi e la nostra Patria... Loro (l'opposizione) stanno gridando "Vai via !". Nessun problema, nessun problema. Presidenti vanno e vengono... Ma poi cosa? E chi aspetteremo qui domani? Chi dovremo sfamare domani?" si è chiesto.

Correlati:

Cremlino: discussa situazione in Bielorussia tra Putin e Lukashenko considerando pressioni esterne
Lukashenko sulla telefonata con Putin: Russia potrà intervenire per garantire sicurezza
Bielorussia, Lukashenko: nessun altro obiettivo oltre a come mantenere la stabilità dello Stato
Tags:
Bielorussia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook