23:08 24 Ottobre 2020
Difesa
URL abbreviato
4294
Seguici su

A partire dagli 2000, il Pentagono ha sviluppato la dottrina Prompt Global Strike, consistente in un attacco missilistico convenzionale di precisione in massa per neutralizzare le difese e la capacità di risposta nucleare di un potenziale avversario. La Russia ha risposto creando una nuova generazione di sistemi di difesa missilistica e missili.

La Russia si riserva il diritto di utilizzare le proprie capacità nucleari in caso di attacco missilistico sul suo territorio, ha delineato lo Stato Maggiore russo in un nuovo documento.

Il documento, pubblicato venerdì sul quotidiano ufficiale dell'esercito, Zvezda, è intitolato "Sui fondamenti della politica statale della Federazione russa nel campo della deterrenza nucleare". Il documento spiega che, poiché non è possibile determinare immediatamente se un attacco missilistico da parte di un avversario strategico abbia un carattere nucleare o convenzionale, qualsiasi attacco di questo tipo sarà considerato nucleare.

“Per quanto riguarda la domanda a quale tipo di aggressione contro la Russia... si possa rispondere, la risposta concreta è: la distruzione della Russia come Stato. Pertanto, nel documento la Russia ha designato delle "linee rosse" che non consigliamo a nessuno di attraversare. Se un potenziale avversario decide di farlo, la risposta sarà senza dubbio devastante”, avverte il giornale.

Il destino del nuovo inizio è in bilico

Il documento tocca anche altre questioni, inclusa il possibile termine del Nuovo Trattato per la riduzione delle armi strategiche (New START), che avverte potrebbe riportare il mondo alle tensioni nucleari in stile anni '80.

“La parte russa ha proposto di estendere il New START, poiché ciò consentirà a entrambe le parti di mantenere il controllo sulle armi nucleari strategiche, garantire la trasparenza di queste armi e, di conseguenza, consentirà di prevedere in modo affidabile le loro capacità di combattimento per il periodo specificato. Inoltre, ci sarà tempo aggiuntivo per cercare soluzioni al problema della limitazione delle armi offensive strategiche e per avanzare verso un nuovo accordo”, spiega il documento.

“Se il New START terminerà, la situazione politica militare diventerà significativamente più complicata, poiché, in assenza di norme restrittive dei trattati, gli Stati Uniti potrebbero realizzare in modo incontrollabile le proprie armi strategiche. Sottolineiamo che questo è un percorso estremamente pericoloso, perché il mondo, come durante la seconda metà del XX secolo, tornerebbe di nuovo in equilibrio sull'orlo di una catastrofe nucleare globale. Il destino del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e del Trattato sul divieto totale di test rimarrà anche in discussione", avverte il documento.

Vladimir Putin e Donald Trump hanno discusso il New START in una conversazione telefonica alla fine del mese scorso. Il trattato nucleare, firmato nel 2010 e destinato a scadere nel febbraio 2021, salvo rinnovo, è l'ultimo importante trattato sulle armi nucleari in vigore dopo la fine del trattato sulle forze nucleari intermedie (INF) lo scorso agosto.

Secondo la dottrina nucleare russa, Mosca si impegna a non essere la prima a usare armi nucleari in caso di guerra, ma si riserva il diritto di reagire in risposta a un'aggressione convenzionale così grave da minacciare l'esistenza dello Stato russo.

A giugno, il presidente Putin ha approvato i "Fondamenti della politica statale nel campo della deterrenza nucleare", in cui è stato ribadito che la Russia "considera le armi nucleari esclusivamente come un deterrente, il cui uso è una misura forzata estrema", e ha affermato che l'obiettivo di Mosca è rendere inconcepibile qualsiasi potenziale primo attacco da parte di un nemico.

Cos'è il Prompt Global Strike e la risposta di Russia e Cina

I pianificatori militari statunitensi iniziarono a dilettarsi con il concetto di "Prompt Global Strike" (PGS) all'inizio degli anni 2000, poco dopo che l'amministrazione Bush ritirò gli USA dal Trattato sui missili anti-balistici con la Russia. Il PGS presume la capacità di condurre un massiccio attacco con missili da crociera con testate convenzionali ad alta precisione contro silos missilistici nemici, aeroporti strategici, basi sottomarine, punti di comando e varie strutture fortificate, con l'obiettivo finale di distruggere la maggior parte del potenziale nucleare nemico potenziale e decapitare la leadership.

Russia e Cina hanno risposto a questa iniziativa attraverso lo sviluppo, test e messa in campo di nuovi sistemi difensivi e strategici progettati per privare i potenziali avversari dalla tentazione di effettuare un primo attacco convenzionale, sia sviluppando nuovi sistemi di difesa missilistica, sia attraverso la creazione di sistemi missilistici ipersonici progettati per garantire una risposta strategica in caso di attacco nemico. La Russia è diventata il primo paese a schierare un sistema missilistico ipersonico nel 2017, con il presidente Putin che ha svelato l'esistenza del sistema, noto come Kinzhal, nel marzo 2018.

Correlati:

Stoltenberg: "Nato rimarrà alleanza nucleare finché esisteranno le armi atomiche"
Pentagono: nuove armi russe sono una minaccia a triade nucleare USA
Dead hand: armi russe di rappresaglia nucleare (se esistono)
Tags:
Armi nucleari
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook