15:55 02 Dicembre 2020
Difesa
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Il cacciatorpediniere statunitense Porter oggi ha iniziato il suo transito verso sud dal Mar Nero al Mar Mediterraneo dopo una settimana di esercizi con partner della NATO, Sea Breeze-2020, ed esercizio congiunto con la marina degli USA di ieri. Lo comunica la Sesta flotta degli Stati Uniti.

Le esercitazioni Sea Breeze-2020, organizzate congiuntamente dagli Stati Uniti e dall'Ucraina, sono svolte dal 20 al 27 luglio. Alle manovre sono stati impiegati circa 2 mila militari da nove Paesi, oltre 20 navi, nonché aerei ed elicotteri. Oltre all'Ucraina e agli Stati Uniti, alle esercitazioni hanno partecipato militari da Bulgaria, Spagna, Norvegia, Romania, Turchia e Francia insieme ai partner dalla Georgia. Ieri, nelle acque internazionali del Mar Nero ha avuto luogo un'esercitazione congiunta di aeronautica e marina degli Stati Uniti con la partecipazione della nave Porter.

Oggi, la Sesta flotta degli Stati Uniti ha dichiarato in una nota che il cacciatorpediniere Porter lascia il Mar Nero e si dirige verso il Mar Mediterraneo.

“Io e il mio equipaggio apprezziamo sempre le opportunità di operare e allenarci con i nostri alleati e partner regionali nel Mar Nero", ha affermato Craig Trent, comandante del cacciatorpediniere Porter. “Il tempo che trascorriamo qui è essenziale per costruire relazioni durature e sviluppare la nostra interoperabilità”.

Porter, assegnato alla base spagnola di Rota, quest’anno era entrato diverse volte nel Mar Nero. La volta precedente è stata a giugno, quando la nave e il suo equipaggio hanno preso parte a tre esercitazioni navali con i partner della NATO, con la nave d’assalto anfibia americana Oak Hill. Inoltre, Porter ha attraccato due volte al porto di Batumi, in Georgia.

La Sesta Flotta degli USA ha sede a Napoli, e opera nei teatri europei e nordafricani, tra cui anche il Mar Nero.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook