19:21 05 Agosto 2020
Difesa
URL abbreviato
121
Seguici su

A metà marzo, il comandante in capo della Marina russa, ammiraglio Nikolai Yevmenov, ha dichiarato che il paese sta continuando a costruire sottomarini di quarta generazione ed è anche coinvolto nello sviluppo di sottomarini di quinta generazione con specifiche più sofisticate.

Il tenente generale americano Glen VanHerck ha messo in guardia da una seria sfida che i "concorrenti e potenziali avversari" degli Stati Uniti pongono attualmente al Paese martedì, durante un'audizione in Senato per approvarlo come capo del comando nordamericano e del comando di difesa aerospaziale nordamericana.

“In oltre 32 anni di servizio non credo di aver mai visto una sfida di sicurezza nazionale strategica e dinamica come quella che si presenta oggi. […] La Russia sviluppa capacità strategiche, come i suoi sottomarini, che ora rappresentano una sfida significativa per il monitoraggio e pongono il potenziale per i missili da crociera che possono colpire la nostra patria”, ha affermato VanHerck.

Ha aggiunto che la Cina "farà come la Russia in un futuro non così lontano poiché continuano a sviluppare le loro capacità militari".

Il generale ha parlato dopo che l'ammiraglio del comandante in capo della Marina russa Nikolai Yevmenov aveva dichiarato a marzo al quotidiano 'Krasnaya Zvezda' che, oltre a costruire sottomarini di quarta generazione, la Russia è anche coinvolta nello sviluppo di sottomarini di quinta generazione.

“Dobbiamo guardare avanti. Questo è un imperativo del nostro tempo per l'ulteriore sviluppo della marina [russa]. Pertanto, non è un segreto che sono in corso lavori per creare sottomarini nucleari di quinta generazione. Saranno ancora più avanzati in termini di specifiche di prestazione”, ha sottolineato Yevmenov.

Separatamente, sempre a marzo, il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che la flotta del Pacifico della nazione aveva formato due nuovi gruppi di missili antisommergibile e che le navi avrebbero avuto il compito di individuare potenziali sommergibili nemici.

I gruppi si sono formati "dopo il completamento con successo delle missioni di combattimento in mare con esercitazione pratica di tutti i tipi di armi navali" e opereranno nel nordest del paese.

La dichiarazione ha seguito quella del vice-ammiraglio della marina statunitense Andrew Lewis a febbraio, in cui aveva affermato che la costa orientale del paese non può più essere considerata un "paradiso sicuro" per le navi della marina americana a causa della maggiore attività dei sottomarini russi più avanzati nell'Atlantico.

Il comandante della marina statunitense in Europa e Africa, l'ammiraglio James Foggo, si è inoltre dichiarato preoccupato per l'attività dei sottomarini russi nel Mediterraneo.

Il segretario della NATO, Jens Stoltenberg, ha a sua volta parlato di "attività senza precedenti" dei sottomarini russi nell'Atlantico.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook