09:32 05 Agosto 2020
Difesa
URL abbreviato
2171
Seguici su

Nello scorso febbraio l’Iran ha portato nello stretto di Hormuz un modello di una portaerei americana. Lo dimostrano le immagini satellitari rese note oggi dall’agenzia AP.

I militari iraniani hanno costruito e dispiegato nello stretto di Hormuz una finta portaerei americana, riferisce l’AP, pubblicando le foto scattate dai satelliti Maxar Technologies.

Il modello di Teheran assomiglia a portaerei della classe Nimitz della marina militare statunitense che vengono sistematicamente inviate nello stretto di Hormuz. La copia iraniana sembra essere lunga circa 200 metri e larga 50 metri mentre la portaerei originale è lunga oltre 300 metri e larga 75 metri. Sul ponte della replica erano posizionati anche 16 caccia finti.

La portavoce della V Flotta degli USA Rebecca Rebarich ha affermato di non vedere un valore tattico in tali azioni.

"Non possiamo parlare di ciò che l'Iran spera di guadagnare costruendo questo modello, o quale valore tattico spererebbero di ottenere usando un tale modello in uno scenario di allenamento o esercizio", ha detto Rebarich all'AP.

Secondo quanto riportato dall’agenzia, questa non è la prima volta che l'Iran costruisce tali modelli. Nel 2015, i Pasdaran hanno usato una portaerei simile nei suoi esercizi durante gli addestramenti militari. La replica è stata attaccata e poi distrutta da un missile terra-mare.

Tensioni USA-Iran nello stretto di Hormuz

Negli ultimi anni, a causa delle tensioni con i Paesi occidentali, ed in primo luogo con gli USA, Teheran ha minacciato ripetutamente la chiusura dello Stretto di Hormuz, una via marittima nevralgica per il trasporto di petrolio nella regione mediorientale.

Nell'estate 2019 Hormuz è stato teatro del sequestro della petroliera britannica Stena Impero, accusata dalle autorità della Repubblica Islamica di aver violato le leggi marittime internazionali, e rilasciata solo alla fine di settembre.

Stati Uniti e Iran sono arrivati ad un passo dallo scoppio di un conflitto militare, dopo che 14 settembre 2019 dei droni delle milizie yemenite Houthi hanno effettuato un attacco su due raffinerie saudite della compagnia Aramco Oil.

Per questo incidente gli USA, supportati da UE e Arabia Saudita, hanno condannato l'Iran, che ha però a più riprese rispedito al mittente ogni accusa.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook