15:52 21 Ottobre 2020
Difesa
URL abbreviato
6310
Seguici su

È stato pubblicato un rapporto sulle presunte interferenze russe della politica britannica, completato lo scorso anno: la pubblicazione del report è stata deliberatamente ritardata dopo le elezioni generali.

Un rapporto commissionato per la commissione d'intelligence e sicurezza del Parlamento britannico afferma che la capacità informatica della Russia è una "questione di grave preoccupazione" e rappresenta una "minaccia immediata e urgente" per la sicurezza nazionale.

Il rapporto, basato su materiale d'intelligence segreto dell'MI5, MI6, GCHQ e una serie di contributi di esperti indipendenti, affermava: "Le prove scritte fornite ci sembrano suggerire che il governo di Sua Maestà non ha visto o cercato prove di interferenze riuscite nei processi democratici del Regno Unito o in qualsiasi altra attività che abbia avuto un impatto materiale su un'elezione, ad esempio influenzando i risultati".

In particolare, riferendosi al referendum sulla Brexit del 2016, afferma: "Analisi di fonti aperte hanno indicato la preponderanza di storie pro-Brexit o anti-UE su RT e Sputnik e l'uso di "bot e troll", come prova dei tentativi russi per influenzare il processo. Abbiamo cercato di stabilire se esiste un'intelligence segreto che ha sostenuto o alimentato queste azioni. In risposta alla nostra richiesta di prove scritte all'inizio dell'inchiesta, l'MI5 inizialmente forniva solo sei righe di testo... La brevità era anche, per noi, ancora una volta indicativa dell'estrema cautela tra le agenzie d'intelligence e di sicurezza dell'idea che potrebbero avere un ruolo in relazione ai processi democratici del Regno Unito, in particolare uno controverso come il referendum dell'UE".

Un portavoce del Cremlino ha detto che la Russia non ha mai interferito nei processi elettorali in nessun paese e non tollererà tentativi d'intromissione.

Referendum UE - C'è stata un'intromissione?

Il rapporto fortemente redatto prosegue: "Ci sono stati commenti credibili che suggeriscono che la Russia ha intrapreso campagne d'ingerenza in relazione al referendum sull'indipendenza scozzese nel 2014. Tuttavia, al momento ***. Sembra che *** ciò che alcuni commentatori hanno descritto quello che appare come potenzialmente la prima interferenza russa post-sovietica in un processo democratico occidentale ***".

Una versione classificata del rapporto è disponibile per il Primo Ministro, Boris Johnson, e per i suoi alti ministri, ma il rapporto ufficiale che è stato pubblicato sul sito Web della commissione di intelligence e sicurezza martedì 21 luglio, è stato pesantemente redatto.

​Il rapporto affermava: "Sembra che la Russia consideri il Regno Unito uno dei suoi principali obiettivi di intelligence occidentali. Mentre potremmo non sperimentare il livello e il tipo di minaccia che subiscono i paesi ai confini della Russia, i testimoni hanno suggerito che ci troviamo subito dopo gli Stati Uniti e la NATO in qualsiasi elenco prioritario. Ciò è probabilmente correlato alla stretta relazione del Regno Unito con gli Stati Uniti e al fatto che il Regno Unito è visto come centrale nella lobby anti-russa occidentale".

La reazione di Mosca

Rispondendo alla pubblicazione del dossier, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato martedì 21 luglio: "La Russia non ha mai interferito nel processo elettorale in nessun paese, negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altre nazioni. Non lo facciamo e non lo faremo, né tollereremo i tentativi delle nazioni straniere d'immischiarsi nei nostri affari politici ".

Ha aggiunto: "Attualmente ci concentriamo sulle aree prioritarie dello sviluppo del nostro paese per il periodo fino al 2030. Con tutto il rispetto per il Regno Unito, gli eventi nel nostro paese sono la cosa più importante per noi".

Peskov ha affermato che la relazione contiene "accuse infondate" e ha affermato che non possono essere "comprovate".

Correlati:

Deputato britannico accusato di spionaggio per la Cecoslovacchia e l’URSS
Convalidato arresto consulente agenzia spaziale russa sospettato di spionaggio per Nato
Americano arrestato in Russia per spionaggio risulta avere cittadinanza britannica
Tags:
Ingerenze
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook