18:57 19 Settembre 2020
Difesa
URL abbreviato
209
Seguici su

La rivista americana, con riferimento ad una dichiarazione del generale statunitense Kenneth McKenzie, scrive che Washington cerca di rafforzare la sua posizione in Medio Oriente in chiave anticinese e antirussa mediante le vendite di armi ai Paesi della regione.

Le vendite di armi americane in Medio Oriente contribuiscono ad evitare che i Paesi della regione "si rivolgano alla Cina", scrive la rivista americana The National Interest riferendosi ad una dichiarazione del generale statunitense Kenneth McKenzie.

Il generale ha osservato che anche il Medio Oriente e l'Asia centrale sono un campo di sfida tra le grandi potenze.

Secondo Mackenzie, mediante le vendite di armi statunitensi in Medio Oriente si cerca di "convincere i nostri partner nella regione che saremo vicini e che rimarremo partner affidabili" per evitare che "si rivolgano alla Russia o alla Cina quando acquistano armi".

Secondo la rivista, negli ultimi cinque anni i Paesi del Medio Oriente hanno rappresentato quasi la metà di tutto l'export di armi americano. In particolare tra tutte le armi consegnate nella regione, il 25% è stato assorbito dall'Arabia Saudita.

Secondo The National Interest, questi affari sono i più controversi in quanto le autorità saudite usano proprio questi armamenti per condurre la guerra in Yemen contro i gruppi sciiti filo-iraniani. Inoltre negli ultimi anni le esportazioni militari statunitensi sono aumentate complessivamente del 23%. Nonostante la crescita dell'export, la quota di mercato statunitense è leggermente diminuita nel suo complesso dal momento che anche Russia, Regno Unito, Italia, Ucraina e Svezia hanno aumentato il loro export d'armi.

Il generale Mackenzie ha sottolineato che le esportazioni di armi sono necessarie, tra le altre cose, per rafforzare la posizione statunitense.

Ha osservato che la Cina sta promuovendo attivamente i suoi interessi in Medio Oriente per ottenere l'accesso alle risorse e consolidare le sue rotte commerciali. In aggiunta Mackenzie ha sostenuto che la Cina e la Russia analizzano i punti di forza e di debolezza degli Stati Uniti nell'ottica di una competizione di lungo termine.

Tags:
The National Interest, Cina, Russia, Medio Oriente, situazione in Medio Oriente, USA, Geopolitica
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook