08:36 01 Giugno 2020
Difesa
URL abbreviato
0 200
Seguici su

Il pilota collaudatore di lungo corso della Federazione russa, Anri Naskidyants, ha raccontato ai media le sue impressioni sul primo test di volo che ha eseguito sul nuovo bombardiere strategico Tupolev 160.

"Sono rimasto molto soddisfatto di questo primo volo sul nuovo Tu-160M. Questa macchina può essere pilotata con due dita, potremmo dire. Un aereo morbido, molto bello. Possiede un sistema di comando che dà la sensazione di essere su di un aereo leggero, invece questa è la più pesante fortezza missilistica al mondo”, ha detto il pilota in una video intervista pubblicata dalla Tupolev.

Tu-160

Il Tupolev Tu-160M non è altro che la versione rivista e modernizzata del vecchio Tu-160, nome in codice NATO Blackjack, il bombardiere strategico supersonico quadrimotore dotato di ala a geometria variabile in servizio dal 1987, già ai tempi sovietici. Il Tu-160, chiamato 'Cigno Bianco' negli ambienti militari russi, è una vera e propria fortezza volante concepita potenzialmente per poter portare un attacco nucleare. Con la sua lunghezza e apertura alare, entrambe superiori ai 50 metri, è il velivolo da combattimento più pesante mai costruito al mondo. Possiede un’autonomia che supera i 7mila chilometri, può essere dotato sia di bombe a caduta libera che di missili aria-superficie.

Tu-160M

La versione Tu-160M, profondamente modernizzata, ha completato il suo primo volo all'inizio di febbraio. Monta un nuovo equipaggiamento di volo, di navigazione, comunicazione e controllo. Sono aumentate anche capacità di trasporto e gittata. E’ dotato di una nuova stazione radar e sofisticato sistema elettronico di contromisure. Rispetto alla versione ideata ai tempi sovietici, la meccanica è rimasta molto simile, tecnologia, materiali e, soprattutto, sistemi software, sono cambiati profondamente.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook