17:58 02 Dicembre 2020
Difesa
URL abbreviato
180
Seguici su

Nel 2019, il sito web militare Defense Blog ha citato il capo dello staff dell'aeronautica statunitense David Goldfein dicendo che stavano prendendo in considerazione la possibilità di ridurre il numero di bombardieri Lancer B-1B in servizio.

In un articolo d'opinione per il sito web Defense News all'inizio di questa settimana, il generale John Michael Loh in pensione dell'Aeronautica USA (USAF) si è concentrato su quella che ha descritto come la crisi della flotta di "bombardieri americana che è troppo piccola e sempre più piccola".

Ha ricordato che l'USAF aveva più di 400 bombardieri, tra cui il B-1, il B-2 e il B-52, alla fine della Guerra Fredda nel 1989 e prima della Guerra del Golfo nel 1990.

Tuttavia, Loh ha osservato che dopo i tagli proposti nella richiesta di bilancio fiscale dell'USAF per il 2021, "ci saranno solo 140" bombardieri statunitensi, che secondo lui rimarranno "il sistema d'arma preferito nella vasta e più problematica regione del Indo-Pacifico a causa della loro lunga autonomia di volo e della grande capacità di carico bellico”.

​Secondo l'autore, il taglio pianificato è "curioso" dato che i funzionari dell'USAF hanno precedentemente richiesto più squadroni di bombardieri, con il capo dello staff dell'Aeronautica militare che ha fatto richiesta per "200 bombardieri, di cui 145 sarebbero i nuovi B-21”.

Loh ha definito i bombardieri come "la vera moneta del regno", che a detta sua svolgono "doppi ruoli strategici" e "forniscono una dissuasione flessibile con la loro capacità nucleare, costringendo gli avversari a pensarci due volte prima di attaccare".

Ha aggiunto che i bombardieri fanno anche "il grosso delle operazioni convenzionali" e che "il grande raggio di azione" di questi aerei da guerra, combinati con enormi carichi bellici, li rendono l'arma preferita dai comandanti combattenti nelle regioni del Medio Oriente e del Pacifico ”.

Alla luce di ciò, l'autore ha espresso preoccupazione per il fatto che tra i 140 bombardieri che dovrebbero rimanere nell'USAF, “solo i 20 B-2 stealth hanno la capacità di penetrare le moderne difese aeree per colpire obiettivi critici, una priorità della Strategia di difesa nazionale".

​Questi bombardieri, tuttavia, sono "sulla strada del pensionamento anticipato" perché la richiesta di bilancio per l'esercizio finanziario 2021 (FY) prevede l'annullamento del programma di modernizzazione del B-2, Loh ha osservato, avvertendo che interrompere la modernizzazione dei B-2 è un mossa "rischiosa".

Ha concluso avvertendo che dopo che l'USAF "è entrato nel nuovo decennio con la più piccola forza di bombardieri della sua storia", la richiesta di bilancio FY21 potrebbe "erodere" ulteriormente questa forza.

Le sue osservazioni sono arrivate dopo che il sito Web di notizie militari Defense Blog ha citato il capo dello staff generale USAF David Goldfein nel settembre 2019 dicendo che stavano prendendo in considerazione la riduzione delle dimensioni della flotta di bombardieri Lancer B-1B per risparmiare denaro e “poi riversare quei soldi nel fare alcuni cose chiave all'interno del portafoglio dei bombardieri ”.

Correlati:

USA schierano bombardieri stealth B-2 in Europa
Usa confermano: un Bombardier E-11A americano si è schiantato in Afghanistan
Bombardieri russi Tu-142 scortati dai caccia USA sorvolano sottomarini americani - Video
Tags:
bombardiere, bombardieri
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook