03:25 31 Marzo 2020
Difesa
URL abbreviato
237
Seguici su

Sei paesi europei hanno firmato ieri, il 4 marzo, il memorandum d’intesa sull'istituzione delle Forze cibernetiche di risposta rapida dell’Unione Europea. Lo rende noto oggi il ministero della Difesa della Lituania.

I paesi che fanno parte del progetto Cyber Rapid Response Team (CRRT) sono l’Estonia, la Polonia, la Croazia, l’Olanda, la Romania e la Lituania, che sarà a capo del gruppo. 

I paesi membri del CRRT hanno firmato il memorandum d'intesa il 4 marzo a Zagabria. Il documento prevede il lavoro in coordinamento di esperti militari e civili del gruppo internazionale che monitoreranno il ciber-spazio. Il loro compito prevede una reazione tempestiva alle ciber-minacce, la conduzione di indagini e intervento in caso di eventuali attacchi.

Nel prossimo futuro anche l'Italia potrebbe diventare membro del team. Tra i sette paesi con lo status di osservatore ci sono anche il Belgio, la Grecia, la Spagna, la Francia, la Slovenia, e la Finlandia.

"Questa è una forza cibernetica multinazionale assolutamente nuova che è stata avviata e guidata dalla Lituania", ha detto il ministro della Difesa lituano Raimundas Karoblis dopo aver firmato il memorandum.

La Lituania aveva proposto di instaurare un gruppo internazionale per il contrasto agli attacchi cibernetici nel quadro della Cooperazione strutturata permanente (PESCO) nel 2017.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook