02:36 29 Settembre 2020
Difesa
URL abbreviato
0 41
Seguici su

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il Paese è grato agli Stati Uniti per aver contribuito a scongiurare un attacco terroristico a San Pietroburgo.

Il capo di Stato russo ha osservato che le informazioni ricevute dall'Fbi statunitense il 27 dicembre scorso hanno contribuito all'arresto di due militanti del Daesh (Isis, Stato Islamico - ndr) in procinto di organizzare attacchi durante le feste di Capodanno. Putin ha espresso gratitudine ai partner per il supporto e la solidarietà professionale nella lotta contro la minaccia comune.

"Certo, risponderemo allo stesso modo", ha detto il presidente al consiglio direttivo dell'Fsb, le forze di sicurezza dello Stato russo.

Da notare che la soffiata dell'Fbi è arrivata quando all'inizio dello stesso mese la commissione Esteri del Senato statunitense aveva approvato un disegno di legge, che obbliga il segretario di Stato a decidere se la Russia debba essere considerata come uno Stato sponsor del terrorismo.

A sua volta Mosca, commentando la decisione dei senatori americani, aveva espresso rammarico per il fatto che negli Stati Uniti molti abbiano intenzione di sfruttare la russofobia per la campagna elettorale.

Al Qaeda e ISIS pianificano attentati su vasta scala negli USA

I gruppi terroristici Stato Islamico e Al Qaeda hanno intenzione di effettuare attacchi terroristici su vasta scala negli Stati Uniti. Lo aveva affermato il direttore dell'Fbi Christopher Wray in una deposizione fornita alla commissione di sicurezza nazionale della Camera dei Rappresentanti.

"Nonostante le sconfitte in Iraq e in Siria, lo Stato islamico non si indebolisce nella sua campagna di violenza contro l'Occidente e promuove in modo aggressivo queste idee odiose, attirando i sostenitori dell'estremismo violento che pensano in modo simile", aveva affermato Wray.

Tags:
FBI, FSB, San Pietroburgo, ISIS, Terrorismo, USA, Russia, Vladimir Putin
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook