08:15 15 Luglio 2020
Difesa
URL abbreviato
2112
Seguici su

I ministri della Difesa dei Paesi della Nato hanno concordato di rafforzare la missione dell'alleanza in Iraq coordinata con le autorità locali, ha dichiarato il segretario generale del blocco militare occidentale Jens Stoltenberg.

In precedenza Stoltenberg aveva affermato che la Nato prevede di riprendere il programma di addestramento per i soldati iracheni, se richiesto da Baghdad. Secondo il numero uno della Nato, l'alleanza sta portando avanti le corrispondenti consultazioni con il governo iracheno, anche a livello di premier, ministro degli Esteri e presidente.

"La Nato sta intensificando la lotta contro il terrorismo internazionale. I ministri della Difesa hanno deciso di rafforzare la missione di addestramento della Nato in Iraq in stretta cooperazione e coordinamento con il governo iracheno", ha scritto Stoltenberg su Twitter.

​La missione di addestramento della Nato in Iraq è stata sospesa nel gennaio 2020 dopo l'assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani a seguito di un raid aereo americano di precisione a Baghdad. Il parlamento iracheno ha successivamente votato per il ritiro di tutte le truppe straniere dal Paese.

Baghdad ha successivamente fatto sapere che una nuova forma di cooperazione con la Nato dovrebbe svilupparsi in modo tale da rispettare la sovranità dell'Iraq.

Iraq, la Nato in sostituzione della coalizione Usa contro l'Isis

La Nato, come parte delle sue attività in Iraq, prevede di intraprendere tutte le attività di addestramento in corso che conduceva in precedenza la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti contro l'Isis, ha dichiarato il segretario generale dell'Alleanza Atlantica Jens Stoltenberg a seguito di una riunione ministeriale a Bruxelles.

"I ministri hanno ribadito il sostegno dell'Iraq ed hanno convenuto di intensificare la missione di addestramento della Nato e che la Nato intraprenderà le attività di addestramento della coalizione in corso", ha affermato il segretario generale dell'alleanza. Secondo Stoltenberg, l'alleanza studierà cos'altro si può fare all'interno di questa cooperazione.

"La Nato è in Iraq su invito del governo iracheno e rimarremo in Iraq solo finché ci sarà tale invito. La Nato rispetta la sovranità e l'integrità dell'Iraq, tutte le attività saranno svolte in accordo e coordinamento con il governo iracheno", ha aggiunto Stoltenberg.
Tags:
Difesa, Sicurezza, Occidente, Medio Oriente, Iraq, NATO, Jens Stoltenberg
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook