03:05 18 Novembre 2019
Vignette

Ritirata la ritirata

Vignette
URL abbreviato
Di
0 017
Seguici su

Il Pentagono ha confermato di essere pronto ad inviare ulteriori forze nel nord-est della Siria per proteggere i giacimenti petroliferi dai combattenti dell'organizzazione terroristica dello Stato Islamico.

Usa invieranno truppe aggiuntive in Siria nord-orientale

"Gli Stati Uniti intendono rafforzare la propria posizione in coordinamento con gli alleati delle Forze Democratiche Siriane (Sdf) nel nord-est della Siria con forze e mezzi militari aggiuntivi e non consentire ai giacimenti petroliferi della zona di finire nuovamente nelle mani dell'Isis o di altri gruppi che destabilizzano la situazione", - ha riferito a Sputnik un rappresentante del Dipartimento della Difesa statunitense.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Grati a Greta
    Ultimo aggiornamento: 13:52 15.11.2019
    13:52 15.11.2019

    Grati a Greta

    Di

    La sedicenne paladina dell’ambientalismo Greta Thunberg di nuovo in navigazione grazie a nuovi benefattori pronti a farsi pubblicità con il suo verbo catastrofista.

  • Non rispettiamo che non rispetti che noi non rispettiamo
    Ultimo aggiornamento: 14:25 12.11.2019
    14:25 12.11.2019

    Non rispettiamo che non rispetti che noi non rispettiamo

    "L'Iran deve immediatamente tornare al pieno rispetto dei suoi obblighi ai sensi del PACG".

  • Facebook, leak di documenti dimostrerebbe uso dei dati utenti per interessi aziendali
    Ultimo aggiornamento: 14:43 07.11.2019
    14:43 07.11.2019

    Che FACCIA da... LIBRO!

    Potrebbero essere ancora guai per la compagnia del CEO Mark Zuckerberg, che negli scorsi mesi è finita più volte nell'occhio del ciclone per scandali legati, tra le altre cose, alla violazione della privacy.

  • PENTAGONIA
    Ultimo aggiornamento: 15:23 06.11.2019
    15:23 06.11.2019

    Pentagonia

    Il presidente della commissione Esteri della Camera alta del Parlamento russo Konstantin Kosachev ritiene che la costruzione delle basi militari statunitensi nella città siriana di Deir el-Zor violi la sovranità della Siria.