05:30 18 Novembre 2019
Vignette

Facebook: il regime del pensiero unico

Vignette
URL abbreviato
Di
4109
Seguici su

Nelle scorse settimane la mannaia censoria dei social network si è abbattatuta su quanti si fanno voce di un pensiero non allineato e di contenuti che non hanno spazio nella stampa mainstream.

Libertà di parola secondo Facebook

Con la scusa dell'hate speach, delle fake news, sono state disattivate da un giorno all'altro e senza alcun preavviso pagine di informazione su Siria, Palestina, Venezuela, Yemen, che mostravano un punto di vista alternativo, magari filorusso o semplicemente critico nei confronti di USA e UE.

A pensare che ci sia un drastico cambiamento di tendenza sui social è Dario Giovetti, amministratore di Fronte dei Popoli, che ritiene che Facebook abbia passato il punto di non ritorno. A Sputnik Italia spiega:

"I centri decisionali sono sempre più lontani dal popolo. I movimenti che hanno fra le loro istanze quelle di maggior richiesta di sovranità e capacità di decisione politica, sono riusciti attraverso i social network, a stabilire un maggiore legame sentimentale con il popolo, diventando egemoni. Le elite globaliste si sono viste sfuggire di mano un loro strumento e sono passate al contrattacco. Per passare al contrattacco hanno dovuto esercitare una svolta di tipo autoritario, una svolta storica nel controllo dell'informazione sui social network. Credo che l'intenzione sia quella di far fuori tutti gli account, pagine di movimenti sovranisti, che sinora hanno egemonizzato il dibattito politico almeno su internet".

Tags:
Censura, censura
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Grati a Greta
    Ultimo aggiornamento: 13:52 15.11.2019
    13:52 15.11.2019

    Grati a Greta

    Di

    La sedicenne paladina dell’ambientalismo Greta Thunberg di nuovo in navigazione grazie a nuovi benefattori pronti a farsi pubblicità con il suo verbo catastrofista.

  • Non rispettiamo che non rispetti che noi non rispettiamo
    Ultimo aggiornamento: 14:25 12.11.2019
    14:25 12.11.2019

    Non rispettiamo che non rispetti che noi non rispettiamo

    "L'Iran deve immediatamente tornare al pieno rispetto dei suoi obblighi ai sensi del PACG".

  • Facebook, leak di documenti dimostrerebbe uso dei dati utenti per interessi aziendali
    Ultimo aggiornamento: 14:43 07.11.2019
    14:43 07.11.2019

    Che FACCIA da... LIBRO!

    Potrebbero essere ancora guai per la compagnia del CEO Mark Zuckerberg, che negli scorsi mesi è finita più volte nell'occhio del ciclone per scandali legati, tra le altre cose, alla violazione della privacy.

  • PENTAGONIA
    Ultimo aggiornamento: 15:23 06.11.2019
    15:23 06.11.2019

    Pentagonia

    Il presidente della commissione Esteri della Camera alta del Parlamento russo Konstantin Kosachev ritiene che la costruzione delle basi militari statunitensi nella città siriana di Deir el-Zor violi la sovranità della Siria.