08:04 24 Febbraio 2020
Vignette

Facebook: il regime del pensiero unico

Vignette
URL abbreviato
Di
4109
Seguici su

Nelle scorse settimane la mannaia censoria dei social network si è abbattatuta su quanti si fanno voce di un pensiero non allineato e di contenuti che non hanno spazio nella stampa mainstream.

Libertà di parola secondo Facebook

Con la scusa dell'hate speach, delle fake news, sono state disattivate da un giorno all'altro e senza alcun preavviso pagine di informazione su Siria, Palestina, Venezuela, Yemen, che mostravano un punto di vista alternativo, magari filorusso o semplicemente critico nei confronti di USA e UE.

A pensare che ci sia un drastico cambiamento di tendenza sui social è Dario Giovetti, amministratore di Fronte dei Popoli, che ritiene che Facebook abbia passato il punto di non ritorno. A Sputnik Italia spiega:

"I centri decisionali sono sempre più lontani dal popolo. I movimenti che hanno fra le loro istanze quelle di maggior richiesta di sovranità e capacità di decisione politica, sono riusciti attraverso i social network, a stabilire un maggiore legame sentimentale con il popolo, diventando egemoni. Le elite globaliste si sono viste sfuggire di mano un loro strumento e sono passate al contrattacco. Per passare al contrattacco hanno dovuto esercitare una svolta di tipo autoritario, una svolta storica nel controllo dell'informazione sui social network. Credo che l'intenzione sia quella di far fuori tutti gli account, pagine di movimenti sovranisti, che sinora hanno egemonizzato il dibattito politico almeno su internet".

Tags:
Censura, censura
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre caricature

  • USA in Siria
    Ultimo aggiornamento: 15:07 21.02.2020
    15:07 21.02.2020

    Il solito ‘pallone gonfiato’

    Siria, a Mosca sicuri: Usa vogliono mantenere resistenza contro Damasco ad Idlib.

  • Brexit, Londra chiude le porte ad alcuni lavoratori UE
    Ultimo aggiornamento: 15:01 19.02.2020
    15:01 19.02.2020

    Prima Exit io, poi Exit tu!

    Dopo il periodo transitorio, che finisce il 31 dicembre 2020, Londra introdurrà le nuove regole per chi vuole lavorare nel Regno Unito.

  • Venezuela: arrestato zio di Guaidò per aver portato dell’esplosivo in un aereo
    Ultimo aggiornamento: 12:34 13.02.2020
    12:34 13.02.2020

    Aspiranti in ‘carica’

    Di

    In Venezuela è stato arrestato lo zio di Guaidò, l'ex leader dell’opposizione venezuelana, per aver portato dell’esplosivo in un aereo.

  • Media tedeschi: la Russia sfrutta le sanzioni statunitensi
    Ultimo aggiornamento: 15:55 11.02.2020
    15:55 11.02.2020

    Sanziami, ma di baci saziami

    Secondo alcuni media tedeschi la Russia è riuscita a sfruttare le sanzioni statunitensi.