Widgets Magazine
07:39 20 Ottobre 2019
Vignette

Adotta un migrante!

Vignette
URL abbreviato
0 93
Seguici su

Le autorità australiane hanno affermato che il Paese non sarà utilizzato come base per schierare missili statunitensi a medio raggio.

vignetta

In precedenza, il capo del Pentagono Mark Esper aveva affermato che dopo che gli Stati Uniti si sarebbero ritirati dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio USA-Russia (Trattato INF), Washington avrebbe dispiegato missili a medio raggio convenzionali nella regione Asia-Pacifico entro pochi mesi.

Lunedì il segretario alla Difesa australiano Linda Reynolds ha dichiarato che, sebbene le aree in cui si trovano le basi missilistiche statunitensi non siano ancora note, l'Australia non sarà una di queste.

Tags:
Australia, Trattato INF
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Quando l’intelligence fa le missioni deficience
    Ultimo aggiornamento: 17:40 14.10.2019
    17:40 14.10.2019

    Quando l’intelligence fa le missioni deficience

    Di

    Secondo Mark Esper, segretario alla Difesa USA, le truppe americane di stanza nella Repubblica Araba Siriana si troverebbero in una posizione "orribile".

  • Gli Stati Uniti stanno sviluppando una quantità enorme di nuove armi che nessuno può nemmeno immaginare
    Ultimo aggiornamento: 16:28 08.10.2019
    16:28 08.10.2019

    Armi distrattive americane

    Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti stanno sviluppando una "quantità enorme" di nuove armi che "nessuno può nemmeno immaginare".

  • Libertà di parola secondo Facebook
    Ultimo aggiornamento: 15:17 04.10.2019
    15:17 04.10.2019

    Facebook: il regime del pensiero unico

    Di

    Nelle scorse settimane la mannaia censoria dei social network si è abbattatuta su quanti si fanno voce di un pensiero non allineato e di contenuti che non hanno spazio nella stampa mainstream.

  • Imposte Usa sui prodotti europei
    Ultimo aggiornamento: 15:55 03.10.2019
    15:55 03.10.2019

    L’Impero colpisce ancora

    Gli Stati Uniti introducono le nuove imposte sui prodotti europei. Le tariffe interesseranno anche il Made in Italy, in particolare parmigiano, grana, provolone, pecorino e prosciutto.