18:09 24 Aprile 2019
Vignette

Avanti nel passato

Vignette
URL abbreviato
0 93

La Russia è preoccupata dell'evoluzione delle dottrine militari di alcuni Paesi: sembra che la politica militare sia tornata ai tempi della Guerra Fredda, quando l'utilizzo di armi nucleari era considerato un'opzione ordinaria.

Avanti nel passato

Lo ha dichiarato il vice direttore del dipartimento per le questioni di sicurezza e disarmo del ministero degli Esteri russo Oleg Rozhkov.

"Siamo preoccupati da una certa evoluzione delle dottrine militari, abbiamo l'impressione che in alcuni Stati la politica militare sia tornata indietro di mezzo secolo, quando l'uso di armi nucleari veniva considerato un'opzione ordinaria per assolvere compiti militari", ha detto Rozhnov durante la conferenza delle cinque potenze nucleari a Pechino.    

Correlati:

Esperti americani svelano obiettivi nuova dottrina nucleare della Russia
Esperto: molto più aggressiva la nuova dottrina USA che il discorso di Putin
Esperto cinese parla della dottrina nucleare USA
Tags:
dottrina, militare, Oleg Rozhkov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • L’ambasciatore USA minaccia la Russia con le portaerei nel Mediterraneo
    Ultimo aggiornamento: 15:49 24.04.2019
    15:49 24.04.2019

    Diplomazia fuori rotta

    L’ambasciatore USA minaccia la Russia con le portaerei nel Mediterraneo.

  • Ultimo aggiornamento: 20:57 23.04.2019
    20:57 23.04.2019

    Fumo negli occhi

    Le dichiarazioni di Washington relative all'annientamento definitivo del gruppo terroristico dello Stato Islamico in Siria non corrispondono pienamente alla realtà.

  • Ultimo aggiornamento: 15:42 22.04.2019
    15:42 22.04.2019

    Pulizie di ‘primavera’

    Un senatore statunitense sostiene che gli USA siano pronti a spostare le armi nucleari dalla Turchia alla Grecia.

  • Perché la Corea del Nord dimostra i nuovi armamenti?
    Ultimo aggiornamento: 18:57 18.04.2019
    18:57 18.04.2019

    Tutto a posto, sono tornato!

    "Lo svolgimento di questi test, naturalmente, è per ricordare che la Corea del Nord non va dimenticata, è un promemoria per tutti”.