01:04 18 Febbraio 2019
Vignette

Avanti nel passato

Vignette
URL abbreviato
0 93

La Russia è preoccupata dell'evoluzione delle dottrine militari di alcuni Paesi: sembra che la politica militare sia tornata ai tempi della Guerra Fredda, quando l'utilizzo di armi nucleari era considerato un'opzione ordinaria.

Avanti nel passato

Lo ha dichiarato il vice direttore del dipartimento per le questioni di sicurezza e disarmo del ministero degli Esteri russo Oleg Rozhkov.

"Siamo preoccupati da una certa evoluzione delle dottrine militari, abbiamo l'impressione che in alcuni Stati la politica militare sia tornata indietro di mezzo secolo, quando l'uso di armi nucleari veniva considerato un'opzione ordinaria per assolvere compiti militari", ha detto Rozhnov durante la conferenza delle cinque potenze nucleari a Pechino.    

Correlati:

Esperti americani svelano obiettivi nuova dottrina nucleare della Russia
Esperto: molto più aggressiva la nuova dottrina USA che il discorso di Putin
Esperto cinese parla della dottrina nucleare USA
Tags:
dottrina, militare, Oleg Rozhkov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Il governo dell'Italia si dice pronto a partecipare alla costituzione della nuova compagnia aerea di cui avrà in possesso il 60%. Delta e Easy Jet avranno il 20% ciascuna.
    Ultimo aggiornamento: 14:49 15.02.2019
    14:49 15.02.2019

    Volerà?

    Il governo dell'Italia si dice pronto a partecipare alla costituzione della nuova compagnia aerea di cui avrà in possesso il 60%. Delta e Easy Jet avranno ciascuna il 20%.

  • Tutti vogliono l’oro della Banca d’Italia
    Ultimo aggiornamento: 15:15 14.02.2019
    15:15 14.02.2019

    L'oro loro

    Tutti vogliono i lingotti della Banca d'Italia.

  • Nuovo record storico per il debito pubblico statunitense
    Ultimo aggiornamento: 13:02 13.02.2019
    13:02 13.02.2019

    Sono molto triglioni

    Per la prima volta nella storia il debito pubblico americano ha superato i 22 trilioni di dollari.

  • Guaidó sconcertato per la posizione dell'Italia sulla Venezuela
    Ultimo aggiornamento: 14:12 12.02.2019
    14:12 12.02.2019

    Sconcerto per la posizione

    Juan Guaidó è rimasto sconcertato per la posizione dell'Italia sulla Venezuela dopo le trattative telefoniche con Salvini.