16:25 20 Aprile 2019
Vignette

Jungla Ammazzonica

Vignette
URL abbreviato
268

Il capo della diplomazia dell'UE, Federica Mogherini, ha espresso preoccupazione per il fatto che la legge "della jungla", cioè del più forte potrebbe prevalere sullo stato di diritto a causa della messa in discussione della sicurezza dei trattati internazionali nel mondo.

Jungla Ammazzonica

Secondo lei, "invece di costruire un nuovo ordine, oggi dobbiamo investire una grande parte delle nostre energie nel prevenire lo smantellamento di parti delle regole attuali". Mogherini osserva che "se vogliamo preservare il sistema multilaterale, dobbiamo investire nella sua riforma".

Correlati:

Federica Mogherini: l’Ue non sta creando un “esercito europeo”
Unione Europea teme che nel mondo torni a prevalere “la legge del più forte”
Tags:
jungla, Federica Mogherini, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Perché la Corea del Nord dimostra i nuovi armamenti?
    Ultimo aggiornamento: 18:57 18.04.2019
    18:57 18.04.2019

    Tutto a posto, sono tornato!

    "Lo svolgimento di questi test, naturalmente, è per ricordare che la Corea del Nord non va dimenticata, è un promemoria per tutti”.

  • Facebook usava i dati degli utenti per battere la concorrenza
    Ultimo aggiornamento: 17:19 17.04.2019
    17:19 17.04.2019

    ‘SOCIAL’... vuol mica dire ‘sociale’

    Facebook, azienda leader, ha utilizzato i dati degli utenti per combattere la concorrenza e aiutare i suoi partner, riferisce il canale televisivo NBC News, citando documenti a sua disposizione.

  • Sommergibilisti britannici sospesi per uso di sostanze stupefacenti
    Ultimo aggiornamento: 15:44 15.04.2019
    15:44 15.04.2019

    We all live in a white submarine… white submarine

    GB, sette sommergibilisti sospesi per uso di sostanze stupefacenti.

  • USA, Trump: Wikileaks? Non sono affari che mi riguardano
    Ultimo aggiornamento: 14:06 12.04.2019
    14:06 12.04.2019

    Rischio ‘estraniazione’ in USA

    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che aveva dichiarato di amare WikiLeaks durante la sua campagna elettorale, oggi ha invece preso le distanze da Julian Assange, arrestato oggi a Londra dopo la revoca della concessione di asilo da parte dell'Ecuador, nella cui ambasciata viveva da rifugiato dal 2012.

    Arresto di Julian Assange