06:20 25 Giugno 2019
Vignette

Ringrazia che ci lasciano ancora sbirciare!

Vignette
URL abbreviato
0 22

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che durante i negoziati con il presidente turco Tayyip Erdogan sono riusciti a raggiungere una soluzione determinante e condivisa su Idlib.

Ringrazia che ci lasciano ancora sbirciare!

"Durante l'incontro abbiamo studiato dettagliatamente la situazione e abbiamo deciso di creare entro il 15 ottobre 2018 una zona demilitarizzata profonda 15-20 chilometri lungo la linea del fronte tra l'opposizione armata e le truppe governative", ha dichiarato il presidente russo.

Correlati:

Putin e Erdogan creeranno una zona demilitarizzata a Idlib
Tags:
crisi in Siria, Idlib, Siria, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Ultimo aggiornamento: 20:22 20.06.2019
    20:22 20.06.2019

    S-300, S-400, S-ti svegli tardi...

    Il Pentagono ha comunicato che ha intenzione di dislocare in Medio Oriente complessi missilistici contraerei, droni, aerei da ricognizione e altri mezzi di difesa.

  •  Com’è romantica la testata al tramonto
    Ultimo aggiornamento: 15:37 18.06.2019
    15:37 18.06.2019

    Com’è romantica la testata al tramonto

    Possiamo scommettere che non ve ne siate mai accorti (e come avreste potuto?): se la vostra famiglia è composta da quattro persone quest’anno avete speso 850 euro in armi.

  • Gli USA accusano l’Iran del presunto attacco alle petroliere nel Golfo di Oman
    Ultimo aggiornamento: 15:03 14.06.2019
    15:03 14.06.2019

    Quel tentacolo di troppo

    Il Segretario di stato americano Mike Pompeo ha accusato l'Iran di aver attaccato due petroliere nel Golfo di Oman.

  • Giappone è pronto a comprare petrolio iraniano
    Ultimo aggiornamento: 16:03 13.06.2019
    16:03 13.06.2019

    Ecco cosa provoca l’IRAn di Trump

    Nonostante il desiderio degli Stati Uniti di portare a zero le esportazioni di petrolio iraniano, Tokyo vuole continuare a comprare petrolio iraniano, ha detto il presidente iraniano Hassan Rouhani dopo i colloqui con il primo ministro giapponese Shinzo Abe.