11:12 16 Giugno 2019
Vignette

Google ti segue

Vignette
URL abbreviato
0 18

La società Google ha chiarito le impostazioni per il servizio "Cronologia delle posizioni" dell'utente che, come risulta, continua a funzionare anche se disabilitato.

Google ti segue

"Abbiamo aggiornato le nostre spiegazioni sulla "Cronologia delle posizioni" per renderle più pertinenti e chiare", si afferma in un comunicato di Google.    

Correlati:

Google traccia gli spostamenti anche con funzione geolocalizzazione spenta
Tags:
Google
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Gli USA accusano l’Iran del presunto attacco alle petroliere nel Golfo di Oman
    Ultimo aggiornamento: 15:03 14.06.2019
    15:03 14.06.2019

    Quel tentacolo di troppo

    Il Segretario di stato americano Mike Pompeo ha accusato l'Iran di aver attaccato due petroliere nel Golfo di Oman.

  • Giappone è pronto a comprare petrolio iraniano
    Ultimo aggiornamento: 16:03 13.06.2019
    16:03 13.06.2019

    Ecco cosa provoca l’IRAn di Trump

    Nonostante il desiderio degli Stati Uniti di portare a zero le esportazioni di petrolio iraniano, Tokyo vuole continuare a comprare petrolio iraniano, ha detto il presidente iraniano Hassan Rouhani dopo i colloqui con il primo ministro giapponese Shinzo Abe.

  • Giorno della Russia
    Ultimo aggiornamento: 10:15 12.06.2019
    10:15 12.06.2019

    Buon Giorno della Russia!

    Il 12 giugno la Federazione Russa celebra un'importante festa nazionale: il Giorno della Russia, oppure il Giorno della Dichiarazione di Sovranità dello Stato russo, come questa festa veniva chiamata fino al 2002.

  • La sospensione dei piloti turchi dall'addestramento sui caccia F-35
    Ultimo aggiornamento: 17:35 11.06.2019
    17:35 11.06.2019

    Conflitto di interessi, interessi nel conflitto

    I piloti turchi che si trovano in USA per l’addestramento sui caccia americani F-35 non possono più effettuare voli su questi modelli, informa il giornale turco Daily Sabah, secondo il quale questa decisione è legata al caso dei sistemi missilistici russi S-400.