14:30 16 Luglio 2018
Vignette

Diplomazia a valanga

Vignette
URL abbreviato
2201

Il ministro degli esteri austriaco Karin Kneissl ha spiegato perché ha deciso di non sostenere Londra e di non espellere i diplomatici russi. Le sue parole sono citate da Kronen Zeitung.

Diplomazia a valanga

"Non vogliamo bruciare nulla", ha detto Kneissl.

Così Kneissl ha risposto alle critiche rivolte all'ex rappresentante austriaco all'OSCE per la lotta alla radicalizzazione e l'estremismo violento Peter Neumann, che ha accusato l'Austria di "bruciare i ponti".

Secondo il capo della diplomazia austriaca, Vienna ha preso questa decisione non a causa di una possibile risposta da Mosca, ma a causa della necessità di mantenere un dialogo.

Correlati:

Avvelenamento Skripal
Tags:
espulsione, OSCE, Karin Kneissl, Russia, UE, Austria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Mondiale 2018 in Russia
    Ultimo aggiornamento: 13:41 16.07.2018
    13:41 16.07.2018

    Finito il Mondiale, la Russia vi aspetta

    I giocatori della nazionale francese Samuel Umtiti e Blaise Matuidi in un'intervista al quotidiano Le Figaro hanno detto che sono molto soddisfatti dell'atmosfera e vorrebbero restare in Russia ancora per un paio di mesi.

  • Obrador ha promesso di salvare il Messico dal cancro della corruzione
    Ultimo aggiornamento: 16:01 13.07.2018
    16:01 13.07.2018

    Il "piano" di Andrés

    Il sofisticato 'PIANO' di Andrés per constrastare la corruzione che strangola il Messico.

  • Macron crede che la Francia sarà una superpotenza del XXI secolo
    Ultimo aggiornamento: 09:53 11.07.2018
    09:53 11.07.2018

    Monsieur MACRON et Monsieur MICRON

    Il presidente Emmanuel Macron in un discorso al Congresso ha dichiarato che crede che la Francia diventerà una superpotenza nel XXI secolo.

  • Regno Unito: Ministro esteri Boris Johnson si dimette
    Ultimo aggiornamento: 19:34 10.07.2018
    19:34 10.07.2018

    Passaggio di consegne al ministero degli Esteri britannico

    Theresa May ha accettato le dimissioni di Boris Johnson dalla carica di ministro degli Esteri.