04:43 19 Settembre 2020
Vignette

Diplomazia a valanga

Vignette
URL abbreviato
2201
Seguici su

Il ministro degli esteri austriaco Karin Kneissl ha spiegato perché ha deciso di non sostenere Londra e di non espellere i diplomatici russi. Le sue parole sono citate da Kronen Zeitung.

Diplomazia a valanga

"Non vogliamo bruciare nulla", ha detto Kneissl.

Così Kneissl ha risposto alle critiche rivolte all'ex rappresentante austriaco all'OSCE per la lotta alla radicalizzazione e l'estremismo violento Peter Neumann, che ha accusato l'Austria di "bruciare i ponti".

Secondo il capo della diplomazia austriaca, Vienna ha preso questa decisione non a causa di una possibile risposta da Mosca, ma a causa della necessità di mantenere un dialogo.

Correlati:

Avvelenamento Skripal
Tags:
espulsione, OSCE, Karin Kneissl, Russia, UE, Austria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre caricature

  • I negoziati interlibici
    Ultimo aggiornamento: 14:17 09.09.2020
    14:17 09.09.2020

    "Ruolo costruttivo" del Marocco

    Di

    Il Marocco ha riunito i belligeranti libici dopo un lungo periodo di blocco del processo politico di pace.

  •  La trappola degli aiuti
    Ultimo aggiornamento: 10:49 02.09.2020
    10:49 02.09.2020

    La trappola degli aiuti

    Di

    Dopo le esplosioni al porto del 4 agosto, il presidente francese è arrivato per la seconda volta in meno di un mese nella capitale libanese.

  • Game Over
    Ultimo aggiornamento: 14:39 27.08.2020
    14:39 27.08.2020

    Game Over

    Nella giornata di martedì le forze armate americane in Siria avevano tentato di bloccare una pattuglia della polizia militare russa. Il ministero della Difesa russo ha commentato l'incidente.

  • Trump e sanzioni all'Iran
    Ultimo aggiornamento: 14:21 26.08.2020
    14:21 26.08.2020

    Sento qualcosa che mi trattiene

    Secondo la maggioranza dei membri del Consiglio di Sicurezza Consiglio di Sicurezza dell'ONU, gli Stati Uniti non hanno il diritto di avviare il meccanismo di ripristino delle sanzioni contro l'Iran.