06:31 25 Giugno 2018
Vignette

Non giocare con il fuoco

Vignette
URL abbreviato
3192

Lavrov esorta Washington a non giocare con il fuoco.

Situazione in Medio Oriente

Politici del mondo e membri del club "Vladai" hanno discusso della situazione in Siria e dei rapporti tra Israele e Palestina. Nel suo intervento il ministro Esteri russo Sergei Lavrov ha esortato gli Usa a non giocare con il fuoco in Siria e controllare i propri passi con accuratezza.

Tags:
Sergej Lavrov, Medio Oriente, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • F-35: Turchia VS USA
    Ultimo aggiornamento: 20:33 22.06.2018
    20:33 22.06.2018

    F-35: Turchia vs. USA

    Ankara sta considerando tutte le possibili varianti davanti al divieto del Senato degli Stati Uniti di consegnare i caccia F-35 alla Turchia.

  • Vienna durante la sua presidenza all'Unione Europea intende lavorare sullo sviluppo delle relazioni con Mosca, è stato dichiarato nel programma della presidenza austriaca, presentato a Bruxelles, che inizierà il 1° luglio.
    Ultimo aggiornamento: 18:18 21.06.2018
    18:18 21.06.2018

    Con l'Austria sarà tutto diverso

    Vienna durante la sua presidenza all'Unione Europea intende lavorare sullo sviluppo delle relazioni con Mosca, è stato dichiarato nel programma della presidenza austriaca, presentato a Bruxelles, che inizierà il 1° luglio.

  • Il segretario di Stato Mike Pompeo e l'ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite hanno annunciato il ritiro dalla UNHRC.
    Ultimo aggiornamento: 16:13 20.06.2018
    16:13 20.06.2018

    Gli USA si costuiranno un consiglio tutto loro...

    Martedì il segretario di Stato Mike Pompeo e l'ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite hanno annunciato il ritiro dalla UNHRC.

  • F-35
    Ultimo aggiornamento: 14:55 19.06.2018
    14:55 19.06.2018

    In bocca al lupo, F-35!

    Il Senato USA lunedì ha adottato la propria variante del progetto del budget per la difesa per il 2019 che prevede l’esclusione della Turchia dal programma di produzione del cacciabombardiere americano di quinta generazione F-35 a causa delle intenzioni espresse da Ankara di acquistare i sistemi antiaerei russi S-400.