20:32 17 Agosto 2018
Vignette

Sfacciataggine degli Usa in Siria

Vignette
URL abbreviato
290

Lavrov commenta la situazione attuale in Siria.

Gli Usa in Siria

Gli azioni unilaterali degli Usa hanno fatto arrabbiare la Turchia, ha detto il ministro degli Esteri russo nella sua intervista al giornale russo "Kommersant".

"Molti politologi chiedono perché ci preoccupiamo tanto e affermano che peggio è meglio: gli Usa procedono a dimostrare la propria mancata negoziabilità, il proprio ruolo distruttivo nella causa della pace, in Iran e Siria per esempio, dove ora si intraprendono passi unilaterali che hanno fatto impazzire questa volta la Turchia", ritiene Lavrov.

Sabato scorso Turchia ha annunciato l'inizio dell'operazione "Ramoscello d'Ulivo" contro l'enclave curda di Afrin.

Correlati:

Curdi siriani svelano cosa vuole ottenere la Turchia ad Afrin
Erdogan annuncia la "fuga dei terroristi" da Afrin
Tags:
Sergej Lavrov, Russia, Turchia, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

Altre caricature

  • Google ti segue
    Ultimo aggiornamento: 13:51 17.08.2018
    13:51 17.08.2018

    Google ti segue

    La società Google ha chiarito le impostazioni per il servizio "Cronologia delle posizioni" dell'utente che, come risulta, continua a funzionare anche se disabilitato.

  • Trump sotto la pressione delle sanzioni
    Ultimo aggiornamento: 18:42 16.08.2018
    18:42 16.08.2018

    Sotto pressione...

    Le sanzioni economiche americane sono inefficaci nel lungo periodo, scrive il quotidiano tedesco Handelsblatt.

  • Turchia ha aumentato i dazi per i prodotti statunitensi
    Ultimo aggiornamento: 21:51 15.08.2018
    21:51 15.08.2018

    La Turchia risponde

    Turchia aumenta drammaticamente dazi su prodotti americani.

  • Spezzare le catene: la Russia verso l'abbandono del dollaro nelle transazioni petrolifere
    Ultimo aggiornamento: 16:27 14.08.2018
    16:27 14.08.2018

    Goodbye, dollar!

    Dopo aver ridotto al minimo gli investimenti nei buoni del Tesoro statunitensi, la Russia intende intraprendere il passo successivo: dire addio all'uso del dollaro nelle transazioni petrolifere.