07:32 05 Dicembre 2020
Vignette

L'Europa non tira più, i profughi tornano a casa

Vignette
URL abbreviato
3101
Seguici su

Negli ultimi mesi nel paese è fortemente cresciuto il numero dei profughi che revocano la loro domanda di asilo.

Migranti vogliono tornare a casa

L'ambasciatore dell'Iraq a Stoccolma Baker Fattah Hussen ha detto al quotidiano Svenska Dagbladet che ogni giorno all'ambasciata vengono 15-20 persone che chiedono un documento provvisorio per poter partire dalla Svezia. Secondo l'ambasciatore, agli iracheni non conviene venire in Svezia.

Correlati:

La Svezia non piace più ai profughi
Tags:
Crisi dei migranti, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook

Altre caricature

  • I'll be back
    Ultimo aggiornamento: 12:26 02.12.2020
    12:26 02.12.2020

    I'll be back

    Di

    Nel corso di una cena formale tenutasi nella giornata di martedì il presidente americano Donald Trump ha lasciato intendere la propria intenzione di ripresentarsi per un secondo mandato presidenziale alle elezioni del 2024.

  • Addio a Diego Maradona
    Ultimo aggiornamento: 11:10 26.11.2020
    11:10 26.11.2020

    Addio a Diego Maradona

    Di

    Diego Armando Maradona, campione del mondo 1986 con l'Argentina e simbolo del Napoli, è morto il 25 novembre: Maradona si trovava a casa sua dopo essere stato dimesso il 12 novembre scorso dall'ospedale, dov'era stato sottoposto ad un intervento chirurgico al cervello.

  • Vignetta Elezioni USA
    Ultimo aggiornamento: 12:52 06.11.2020
    12:52 06.11.2020

    And the winner is...is...is...

    Le poste degli USA non sarebbero state in grado di consegnare più di 150.000 schede elettorali per il giorno delle elezioni presidenziali di martedì 4 novembre, scrive il Washington Post citando fonti dello stesso servizio postale.

  • Laboratorio di democrazia sperimentale
    Ultimo aggiornamento: 14:25 03.11.2020
    14:25 03.11.2020

    Laboratorio di democrazia sperimentale

    Di

    Il Servizio di Intelligence Internazionale russo ha registrato tentativi delle autorità americane di disturbare la cooperazione tra la Russia e la Cina, ha dichiarato proprio il direttore dell'SVR Sergey Naryshkin.