15:14 15 Novembre 2018
Matteo Salvini interviene durante la tradizionale riunione della Lega a Pontida, Italia

L'Ucraina minaccia il nostro Ministro dell'Interno?

© AP Photo / Luca Bruno
URL abbreviato
di German Carboni
2214

Il numero di cittadini italiani nella "lista nera" è lunga, e include da persone che condividono idee contrarie al nuovo corso politico ucraino, a cooperatori umanitari, fino a giornalisti e parlamentari. Oggi include anche Salvini.

Forse pochi sanno o hanno sentito parlare del portale web Myrotvorets (che tradotto significa orwellianamente “Il Pacificatore”). Questo sito, nato dopo i fatti ormai comunemente noti dell'Euromaidan e dell'inizio del conflitto civile in Ucraina nel 2014, è stato sviluppato da un'omonima organizzazione non governativa fondata da Roman Zaitsev, ex-impiegato dell'SBU, vale a dire i servizi segreti nazionali dello stato ucraino, e fu lanciato lo stesso anno dell'inizio della crisi da George Tuka, personaggio politico di rilievo del panorama ucraino, incaricato precedentemente dell'amministrazione della regione di Lugansk direttamente dall'attuale presidente del Paese, Petro Poroshenko. Tutt'oggi il sito web è gestito dagli apparati di sicurezza dell'SBU ed è promosso dai consiglieri del Ministero dell'Interno ucraino.

I partecipanti alla seduta straordinaria della Verhovnaya Rada contro l'approvazione della lege sulla lingua russa a Kiev.
© Sputnik . Григорий Василенко
Il sito, il cui rapporto con le autorità civili e militari dello stato ucraino sembra indiscutibile, è stato più volte denunciato pubblicamente da attivisti e giornalisti per l'attività che promuove, vale a dire quella di schedatura di tutti coloro che nel mondo sono ritenuti (a torto o a ragione) “nemici dell'Ucraina”. Il sito infatti riporta una lista di diverse decine di migliaia di persone, macabramente intitolata “Purgatorio”, sui cui profili vengono aggiunte le informazioni personali di ognuna, dai profili sociali, ai numeri di telefono, agli indirizzi. La natura di questa lista di persone è abbastanza chiara, e si tratta in maniera piuttosto evidente di una kill-list, quegli elenchi di personaggi da eliminare quando e dove possibile divenuti tristemente famosi nel mondo a causa dell'estremismo islamico.

Le intenzioni del sito sono abbastanza esplicite a riguardo. Ogni qual volta uno dei nominativi segnalati viene eliminato, sia sul teatro di guerra quando si tratta di un combattente del Donbass, sia nel contesto cittadino quando si tratta di un giornalista o di un personaggio politico scomodo, il sistema informatico classifica la sua scheda personale come “Purgato”. Il caso Myrotvorets scoppiò giornalisticamente nell'Europa dell'est dopo che il sito pubblicò gli indirizzi e le informazioni personali del giornalista Oles Buzina e dell'ex-parlamentare Oleg Kalashnikov ed entrambi vennero assassinati. Anton Gerashenko, consigliere del Ministero dell'Interno ucraino, figura di rilievo delle istituzioni e promotore di Myrotvorets, nel 2015 suggerì di allungare la lista con i nemici dell'Ucraina e dello Stato Islamico, così che quest'ultimo avrebbe potuto vendicarsi per conto loro “sotto la legge della sharia”.

Malgrado il sito sia stato varie volte messo sotto attacco dall'opinione pubblica e dalle stesse Nazioni Unite: nel 2017 l'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha esortato il governo ucraino a indagare sulle attività del sito, in netto contrasto con i principi umanitari internazionali, ovviamente senza ottenere alcun risultato.

La lista di cittadini italiani sul sito è lunga, e include da persone che condividono idee contrarie al nuovo corso politico ucraino, a cooperatori umanitari, fino a giornalisti e parlamentari. Ma è stato veramente incredibile constatare come nella lunga lista di nomi di questa “lista di epurazione” vi sia una scheda dedicata appositamente a Matteo Salvini, attuale Ministro dell'Interno della Repubblica Italiana, sulla quale egli è anche definito un “collaboratore del terrorismo internazionale”.

Risulta assai strano che un Paese che pretende di avere relazioni diplomatiche distese con l'Italia, che ha le sue sedi diplomatiche sul territorio nazionale e che non nasconde le sue ambizioni di entrata nell'Unione Europea, scriva attraverso un proprio canale politico determinate accuse contro una delle principali figure istituzionali della Repubblica, considerandola peraltro una persona da “purgare”.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Ucraina, la polizia di frontiera respinge due russe al confine con la Crimea
FMI stanzia prestito di 3,9 miliardi di dollari per l’Ucraina
Poroshenko ha chiesto dei fare al più presto modifiche alla Costituzione ucraina
Tags:
politica, Petro Poroshenko, Matteo Salvini, Ucraina, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik