00:59 24 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 17°C
    Mappa dell'Europa

    Renzi proponga a Ventotene lo sport europeo oltre che nazionale

    © flickr.com/ Charles Clegg
    URL abbreviato
    di Giorgio Pagano
    946846

    Il 22 agosto nell'isola del famoso Manifesto "Per un'Europa libera e unita" il Presidente Renzi incontrerà i suoi omologhi di Francia e Germania, potrebbe proporgli una visione continentale dello sport con la doppia bandiera: nazionale ed europea.

    Chi, come chi scrive, è un convinto assertore di una leadership europea dell’Italia e di "una Europa libera e unita" — come recitava il titolo  del Manifesto scritto da Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Ursula Hirschmann tra il 1941 ed il 1944 durante il periodo di confino nell'isola di Ventotene — pensa a questo prossimo appuntamento del 22 agosto di Renzi con i rispettivi Capi di Governo francese e tedesco a Ventotene, come un appuntamento da utilizzare con idee innovative e di forte impatto sociale sia a livello continentale che internazionale.

    Ebbene c'è una cosa, di cui mi sono occupato fin dal 2008, e che il Presidente del Consiglio può fare senza attendere nessuno e proponendo di fare altrettanto, intanto, ad Hollande e alla Merkel: consiste nel fatto che gli atleti europei gareggino nelle competizioni transnazionali, come anche le Olimpiadi, con la doppia bandiera, nazionale ed europea. Ciò non altera né la composizione delle squadre né altro – come ad esempio se si pretendesse di gareggiare con solo la bandiera dell’Ue — ma, certamente, darà una visibilità europea a livello internazionale altrimenti difficilmente raggiungibile.

    Lo sport è, infatti, un settore dall’enorme impatto sociale, economicamente rilevante, con effetti sull’occupazione superiori ai tassi di crescita medi, genera il 2% circa del PIL mondiale e contribuisce altresì, in maniera rilevante, a sviluppare il turismo attraverso le competizioni e gli eventi sportivi, sia nazionali che transnazionali.

    Analogamente potrà fare la Presidente della Camera Boldrini considerato quanto sta cercando di fare verso gli Stati Uniti d’Europa — anche se ritengo dovrebbero chiamarsi le “Nazioni Unite d’Europa” — e che, sempre a Ventotene, ma il 27 e 28 agosto,  si vedrà con i Presidenti dei Parlamenti di Francia, Lussemburgo, Slovenia e Spagna. A tale proposito ricordo il Rapporto del Parlamento europeo sulla "Dimensione europea dello sport", redatto dal catalano Fisas nel 2012 che, proprio all’Art. 100 parla, appunto, della opportunità di gareggiare a livello transnazionale con la doppia bandiera, nazionale ed europea.

    Certamente però Renzi in questo momento potrebbe essere "l'uomo giusto al momento giusto": dopo che Delrio ha preso il posto di Lupi ai Trasporti, è ancora nelle sua mani la Delega allo Sport ed emanare un provvedimento in tal senso dipende esclusivamente da lui. Le Olimpiadi di Rio si concludono il 21 agosto, e chissà se per il 22 a Ventotene Renzi potrà presentarsi come il leader europeo che, prima di chiederlo ad altri, ha già dato il “buon esempio”.

    L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

    Correlati:

    Russia, Pagano (Ap): Renzi perde occasione per riannodare con Putin
    Banche italiane in crisi: pericolo per Renzi e per la finanza europea
    Governo Renzi: finge amicizia alla Russia, ma finanzia i Clinton
    Tags:
    Incontro, François Hollande, Matteo Renzi, Angela Merkel, Ventotene, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik