11:16 13 Luglio 2020
Notizie
URL abbreviato
135
Seguici su

La Bielorussia "non può" annullare la parata del Giorno della Vittoria della Seconda Guerra Mondiale del 9 maggio, nonostante la pandemia di coronavirus, perché migliaia di persone non vedono l'ora di assistere e partecipare all'evento, compresi i veterani, ha dichiarato oggi il presidente Alexander Lukashenko.

"Devo dire che non possiamo annullare la parata. Semplicemente non possiamo. Ci sto pensando da molto tempo. Naturalmente è una cosa emotiva e profondamente ideologica", ha affermato Lukashenko, citato dall'agenzia di stampa statale BelTA.

Ha osservato che i soldati sovietici hanno sacrificato le loro vite per il bene delle generazioni successive senza la paura di morire.

"Dobbiamo ricordare che quelle persone sono morte forse anche per virus ed altre malattie. Ma a volte non se ne rendevano conto e non ci pensavano. Sono morte per noi... Pensate solo a cosa direbbe la gente se cancellassimo la parata. Forse non immediatamente, ma dopo un giorno o due, direbbero che siamo spaventati", ha aggiunto il presidente bielorusso.

Allo stesso tempo ha sottolineato che la Bielorussia capisce quelle persone che potrebbero rinunciare alla parata per problemi di salute, osservando tuttavia che ci sono "migliaia e migliaia" che non vedono l'ora che arrivi l'evento.

Secondo lui, i veterani della Grande Guerra Patriottica, sono stati tra "i primi a chiedere che fossero portati a questo evento".

Ha osservato che i veterani hanno 90 anni e il Paese dovrebbe pensarci a fondo, in quanto "questo tipo di malattia colpisce gli anziani in primo luogo".

All'inizio della giornata le autorità bielorusse hanno aggiornato i dati sulla situazione nel Paese di Covid-19: complessivamente sono stati registrati 16.705 casi, +877 l'incremento nell'ultimo giorno. Il bilancio delle vittime è pari a 99. Minsk ha detto no al lockdown e alle misure sociali anti-contagio.

In precedenza il capo di Stato bielorusso aveva affermato che il coronavirus è una punizione del Signore per il disprezzo della natura.

Tags:
Coronavirus, Società, Parata della Vittoria, Storia, Seconda Guerra Mondiale, Bielorussia, Alexander Lukashenko