Ankara, dal partito di maggioranza al governo negano: nessun ritiro della Turchia dalla NATO

© AFP 2023 / Adem AltanOmer Celik, portavoce del partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) al governo turco
Omer Celik, portavoce del partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) al governo turco - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2023
Seguici suTelegram
Il ritiro della Turchia dalla NATO non è attualmente preso in considerazione, ha detto mercoledì Omer Celik, portavoce del "Partito per la giustizia e lo sviluppo", attualmente al governo.
"Le parole di coloro che parlano del ritiro della Turchia dalla Nato sono estremamente sorprendenti. Non c'è dubbio su questo. Siamo uno dei Paesi che hanno fondato la Nato. Queste persone non hanno il diritto di dire queste cose", ha dichiarato Omer Celik, ai media turchi.
Il riferimento va al vice-Presidente del Partito della Patria, che ha dichiarato che il "Paese sarebbe uscito dalla NATO tra cinque o sei mesi", sottolineando che gli ultimi sondaggi indicavano che l'80% della popolazione crede che gli Stati Uniti siano ostili nei confronti della Turchia.
I nuovi sviluppi arrivano nel bel mezzo di una grande spaccatura tra Ankara e l'Alleanza sull'adesione della Svezia alla NATO.
Martedì è stato riferito che i colloqui trilaterali tra Turchia, Svezia e Finlandia sull'adesione alla NATO sono stati rinviati a tempo indeterminato su richiesta di Ankara.
Sabato, Rasmus Paludan, leader del partito politico danese di estrema destra Stram Kurs, ha bruciato una copia del Corano davanti all'ambasciata turca a Stoccolma con il beneplacito delle autorità.
Il rogo del Corano è stato condannato da molti Paesi, ivi compreso la Turchia.
Lo stesso giorno il ministero degli Esteri turco ha affermato che l'azione di Paludan era una chiara violazione degli obblighi della Svezia ai sensi di un memorandum tripartito firmato con Turchia e Finlandia per sanare i disaccordi per l'adesione alla NATO, in particolare la sua clausola sulla prevenzione della propaganda delle organizzazioni terroristiche.
Inoltre, la Turchia ha annullato unilateralmente l'imminente visita del ministro della Difesa svedese ad Ankara, dove avrebbe dovuto discutere proprio la domanda di adesione di Stoccolma alla NATO.
Lunedì, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che la Svezia non dovrebbe aspettarsi il sostegno turco per la sua offerta di aderire alla NATO dopo tali azioni anti-turche e anti-islamiche.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала