I politici non dicono la verità sulle conseguenze del rifiuto del gas russo per l'economia - esperto

© Sputnik / Accedi all'archivio mediaNave per il trasporto di gas naturale liquefatto
Nave per il trasporto di gas naturale liquefatto - Sputnik Italia, 1920, 24.01.2023
Seguici suTelegram
"La disinformazione secondo cui le sanzioni contro la Russia starebbero danneggiando l'economia russa è irrilevante", ritiene l'ex capo della Compagnia ceca del gas, l'esperto di energia, petrolio e gas Vladimir Štěpán.
Il Ministro dell'Economia e del Clima della Germania, Robert Habek, afferma che il Paese è costretto a importare carbone in grandi quantità per colpa del Presidente russo che avrebbe chiuso il rubinetto del gas. Tuttavia, la Russia ha sempre rispettato gli accordi e non è stata lei a interrompere unilateralmente le forniture di gas all'Europa.
L'ex capo della Compagnia ceca del gas, l'esperto di energia, petrolio e gas Vladimir Štěpán, ha spiegato a Sputnik il motivo di questi doppi standard nelle relazioni con la Russia:
"La risposta è semplice: le ragioni sono politiche. L'UE ha deciso di interrompere la fornitura di tutte le materie prime provenienti dalla Russia per motivi politici. Per le risorse in cui questo non è possibile, ci vorrà un po' di tempo, ma le eliminerà comunque. In pratica, però, gli Stati dell'UE, in realtà quasi tutti, violano questo divieto di importazione e acquistano le stesse materie prime.
Ad esempio, il GNL russo viene acquistato da Francia, Olanda, Belgio, Spagna e, naturalmente, Stati Uniti. Lo stesso vale per il petrolio russo. Il Regno Unito sostiene di non importare nulla dalla Russia, e improvvisamente sui giornali appare la notizia che diverse navi cisterna di petrolio russo stanno arrivando in Gran Bretagna. Poiché è economico. Si crea un doppio standard: da un lato le dichiarazioni dei politici, ma dall'altro i Paesi fingono di non saperne nulla nella pratica e le loro aziende continuano a importare il greggio russo o violano loro stessi i propri regolamenti.
[...] D'altra parte, purtroppo, non dicono la verità sulle conseguenze per il settore energetico e l'economia del Paese. Proprio questa sera è emerso che il GNL americano importato in Europa e nella Repubblica Ceca è di qualità inferiore. In termini di potere calorifico, ha parametri diversi e ci sono anche alcune impurità. In effetti, la qualità del GNL non è mai stata discussa fino ad ora... Ora è chiaro che la qualità sta fluttuando.
Per esempio, direi che nel gas russo c'è il 90% di metano, ma in questo gas [non russo] abbiamo il 70-90%. Per alcune aziende, tali fluttuazioni della qualità e del potere calorifico sono inaccettabili, non possono permetterlo per il loro lavoro e la loro produzione. E così in ogni cosa.
Poi c’è l'ultima dichiarazione del Ministro degli Esteri austriaco, che ha detto che dovremmo continuare a fare affidamento sulla Russia, che è parte dell'Europa. Ha detto che un giorno il conflitto finirà e torneranno le relazioni normali. Un gruppo di alcuni Stati europei, come l'Italia e la Francia, a loro volta affermano di poter sostenere l'Ucraina e di approvare il conflitto. D'altra parte, tra un giorno o due verrà pubblicato un articolo che sostiene che in realtà le aziende dell'Europa occidentale che avrebbero dovuto ritirare la produzione dalla Russia lo hanno fatto solo una volta su dieci.
il ministro dell'Economia tedesco Robert Habeck - Sputnik Italia, 1920, 22.01.2023
Per ministro Economia tedesco è colpa della Russia la crisi energetica
Allo stesso modo, la disinformazione secondo cui le sanzioni contro la Russia starebbero danneggiando l'economia russa è irrilevante. In realtà, se si guardano i numeri, si scopre che sono l'Unione Europea e la Repubblica Ceca ad essere maggiormente danneggiate. Chi ne beneficia? Alcuni Paesi, come gli Stati Uniti e la Russia, perché a causa dei prezzi più elevati il reddito da materie prime è chiaramente più alto. L'intera faccenda è, direi, piuttosto ‘un circo’.
Ci sono anche rapporti, per esempio quello del Ministro degli Esteri austriaco, che indicano come alla Russia non sia mai stato permesso di negoziare la fine della guerra. Se ci sarà un gruppo di Stati che negozieranno per la pace, non inviteranno i rappresentanti russi".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала