- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Le forze DPR hanno sequestrato dei terminali Starlink alle forze ucraine - Rogozin

© Sputnik . Ekaterina Shtukina / Accedi all'archivio mediaIl vice primo ministro russo Dmitry Rogozin
Il vice primo ministro russo Dmitry Rogozin - Sputnik Italia, 1920, 23.01.2023
Seguici suTelegram
Le forze della DPR sono riuscite a sequestrare come trofei una certa quantità di terminali del sistema di comunicazione satellitare Starlink di Elon Musk utilizzati dall'esercito ucraino, ha dichiarato l'ex direttore generale di Roscosmos e capo del gruppo di consulenza militare dei ‘Lupi dello Zar’, Dmitry Rogozin, in un'intervista a Sputnik.
"Le comunicazioni spaziali sono un argomento speciale. Conosciamo i loro benefici… sappiamo quali danni ci hanno procurato questi sistemi di comunicazione spaziale Starlink, utilizzati dall'AFU [Forze ucraine], e questi stessi dispositivi, le apparecchiature in abbonamento. A proposito, ne abbiamo in nostro possesso, le abbiamo", ha osservato Rogozin.
In precedenza, circa 20 mila terminali Starlink sono stati trasferiti in Ucraina. Nell'ottobre dello scorso anno, Musk ha dichiarato che i costi ammontavano a circa 100 milioni di dollari, e che non avrebbe dovuto sostenerli tutti lui, bensì il Pentagono. L'esercito statunitense ha dichiarato di essere in trattativa con l'imprenditore. Allo stesso tempo, il Ministero ha espresso fiducia nel fatto che l'azienda di Musk non sia l'unica in grado di fornire Internet via satellite alle Forze Armate. Il Pentagono ha anche affermato di ritenere necessario che l'esercito ucraino continui a disporre di strutture di comunicazione spaziale.
Musk ha poi dichiarato che Starlink è l'unico sistema di questo tipo che opera in Ucraina e che "la Russia sta attivamente cercando di distruggerlo" e che quindi il progetto "potrebbe morire", nonostante le enormi risorse dedicate alla sua protezione.
Rogozin guida un gruppo di consiglieri militari, i Lupi dello Zar, nella zona delle operazioni speciali, fornendo assistenza militare e tecnica alle unità LPR e DPR. I consulenti lavorano a stretto contatto con gli sviluppatori di varie attrezzature e complessi militari.
L'anno scorso, Rogozin ha trascorso circa tre mesi nella Repubblica Democratica Popolare insieme a un gruppo di consiglieri, è finito sotto il fuoco il 21 dicembre, è stato ferito e ora sta completando la sua riabilitazione a Mosca.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала