Il Sudafrica chiede agli Stati Uniti di rivedere le sanzioni unilaterali

CC BY 2.0 / Flowcomm / South African flagLa bandiera del Sudafrica
La bandiera del Sudafrica - Sputnik Italia, 1920, 18.01.2023
Seguici suTelegram
Il Sudafrica ha chiarito agli Stati Uniti che vuole una revisione delle sanzioni unilaterali, ha dichiarato il ministro degli Esteri della repubblica, Naledi Pandor.
"C'è sempre un problema con le sanzioni unilaterali e il loro impatto su molti paesi che non sono coinvolti in un particolare conflitto, quindi abbiamo indicato ai nostri amici negli Stati Uniti che vogliamo una revisione da parte loro delle sanzioni unilaterali, che spesso non sono una strategia molto utile per affrontare i problemi", ha detto.
Pandor ha fatto l'esempio delle sanzioni contro lo Zimbabwe, il Venezuela e Cuba che, pur essendo unilaterali, colpiscono molti paesi e causano loro gravi problemi.
"Quando sentiamo che il diritto internazionale o umanitario viene violato, possiamo seguire la dottrina delle sanzioni, ma quando sentiamo che c’è un'imposizione unilaterale senza una decisione delle Nazioni Unite, non pensiamo che il Sudafrica sia vincolato da esse", ha aggiunto il ministro.
L'Occidente ha intensificato le sanzioni contro la Russia per l'Ucraina, facendo salire i prezzi di elettricità, carburante e cibo in Europa e negli Stati Uniti. Il Presidente Vladimir Putin ha sottolineato che la politica di contenimento e indebolimento di Mosca è una strategia a lungo termine dell'Occidente e che le sanzioni hanno inferto un duro colpo all'intera economia globale. Secondo questi, l'obiettivo principale degli Stati Uniti e dei loro alleati è quello di peggiorare la vita di milioni di persone. Mosca ha ripetutamente affermato che la Russia risolverà tutti i problemi che l'Occidente le pone.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала