Esercito russo, il ministero della Difesa annuncia cambiamenti

© Sputnik . Evgeny Biyatov / Accedi all'archivio mediaIl ministro della Difesa russo Sergey Shoigu
Il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu  - Sputnik Italia, 1920, 17.01.2023
Seguici suTelegram
Sono molte le novità, tra cui anche un aumento delle stesse forze armate, che attendono l'esercito russo tra il 2023 e il 2026, ha riferito il centro stampa del ministero della Difesa al termine della riunione del capo del decastero Sergey Shoigu.
"Il presidente della Federazione Russa ha preso la decisione di aumentare il numero delle forze armate fino ad un milione e mezzo di unità. La sicurezza militare dello stato, la difesa delle nuove entità territoriali e le infrastrutture critiche della Federazione Russa saranno possibili solo con il rafforzamento delle strutture chiavi che compongono le forze armate", ha detto Sergey Shoigu.
Si parla anche di una nuova suddivisione militare-amministrativa della Russia.
È stato sottolineato che i cambiamenti richiederanno decisioni competenti da parte di tutti i vice-ministri, i comandanti in capo dei rami delle forze armate, i comandanti dei distretti militari e dei rami militari.
"Shoigu ha posto particolare attenzione al fatto che tutte le misure dovrebbero essere combinate in un piano globale per aumentare la composizione e la forza delle forze armate russe e sincronizzate con la consegna di armi, attrezzature militari e speciali e materiale secondo l'ordine di difesa dello Stato, la costruzione di infrastrutture per il dispiegamento di truppe e la fornitura di risorse adeguate", si legge nel messaggio.
Il ministro ha anche sottolineato l'importanza di reclutare truppe con militari a contratto, aumentare il numero di campi di addestramento, anche nei nuovi territori della Russia, nonché rivedere i programmi di addestramento in base alle esigenze dell'esercito.
Il vincitore delle elezioni presidenziali in Lituania, Gitanas Nauseda - Sputnik Italia, 1920, 17.01.2023
Lituania, il presidente preoccupato del fatto che l'Occidente possa essere "stanco" dell'Ucraina
La Russia conduce un'operazione militare in Ucraina dal 24 febbraio. Vladimir Putin ha definito il suo compito "la protezione delle persone che sono state oggetto di bullismo e genocidio da parte del regime di Kiev per otto anni". Secondo lui, l'obiettivo finale è la liberazione del Donbass e la creazione di condizioni che garantiscano la sicurezza della Russia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала