Mitsotakis non crede in un conflitto armato con la Turchia

© AP Photo / Dimitris PapamitsosIl premier greco Kyriakos Mitsotakis
Il premier greco Kyriakos Mitsotakis - Sputnik Italia, 1920, 14.01.2023
Seguici suTelegram
Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis non crede nello "scenario peggiore" dello sviluppo delle relazioni tra Grecia e Turchia e in un conflitto armato sullo sfondo delle dichiarazioni della leadership turca.
"No, non credo che avremo un 'episodio caldo' (con l'uso delle armi - ndr). Mi preoccupa l'escalation della retorica turca. Esorto la Turchia a rendersi conto che trasformare la politica estera in uno strumento dell'uso interno da aprte del partito non è la strategia giusta", ha detto Mitsotakis in una conferenza stampa nella città di Alessandropoli, nel nord della Grecia, quando gli hanno chiesto se nelle relazioni bilaterali sia possibile uno "scenario peggiore".
Secondo lui, la Grecia è pronta a sedersi al tavolo dei negoziati e, tenendo conto del diritto internazionale, risolvere "l'unica differenza" con la Turchia, che riguarda la delimitazione delle zone marittime nel Mar Egeo e nel Mediterraneo orientale.
"Spero che abbiamo visto un crescendo di retorica con tutto quello che stanno dicendo che verranno in Grecia una notte" e ora il tono si abbasserà”, ha detto Mitsotakis.
"Ma in nessun caso la Grecia accetterà istruzioni su come esercitare la sua sovranità e i suoi diritti sovrani. È chiaro che ha bisogno di rafforzare le forze armate, così come i progetti di contenimento, come il recinto al confine con Evros. Il recinto che è già stato costruito, è stato molto efficiente", ha detto.
I massimi vertici turchi hanno messo in guardia la Grecia dall'espandere le sue acque territoriali nell'Egeo e nel Mediterraneo orientale. Commentando le pubblicazioni dei media greci secondo cui le acque territoriali della Grecia saranno estese a 12 miglia intorno a Creta, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che Ankara non consentirà l'espansione delle acque greche nemmeno di un miglio nel Mar Egeo. Il ministro degli Esteri turco, riferendosi al casus belli da parte di Ankara, ha affermato che la decisione del parlamento turco del 1995 su questo tema è chiara e resta in vigore. La Turchia ha precedentemente affermato che considererà l'espansione delle acque greche come un casus belli.
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato più volte che "i turchi potrebbero arrivare all'improvviso di notte" se le provocazioni greche continueranno.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала