Roscosmos: Soyuz MS-23 partirà senza equipaggio

© Sputnik . Maksim Blinov / Accedi all'archivio mediaIl lancio della navicella Soyuz MS-20
Il lancio della navicella Soyuz MS-20 - Sputnik Italia, 1920, 11.01.2023
Seguici suTelegram
La Soyuz MS-23 volerà verso la ISS senza equipaggio, poiché un volo con equipaggio sarà possibile non prima dell'inizio di marzo, richiederà il perfezionamento della navicella e un addestramento aggiuntivo per il cosmonauta, ha affermato Yury Borisov, capo di Roscosmos.
"Un volo con equipaggio con un cosmonauta richiede il perfezionamento della navicella, il rilascio della documentazione, l'addestramento aggiuntivo del cosmonauta ed è possibile non prima dell'inizio di marzo. Un volo senza equipaggio garantisce l'affidabilità necessaria, tenendo conto di statistiche positive e può essere inviato alla stazione prima, già il 20 febbraio 2023", ha detto Borisov.
Il 15 dicembre 2022, la Soyuz MS-22 attraccata alla ISS ha subito una depressurizzazione del circuito di raffreddamento. Per questo motivo, la passeggiata spaziale dei cosmonauti russi Sergey Prokopiev e Dmitry Petelin è stata annullata. A causa del malfunzionamento, la temperatura nella nave ha iniziato a salire, poi si è stabilizzata, non vi è alcuna minaccia per l'equipaggio.
Secondo Roscosmos, la depressurizzazione è avvenuta a causa di influenze esterne, la cui natura non è ancora chiara. Potrebbe essere un colpo da detriti spaziali o un micrometeorite. Il foro nel radiatore della nave non supera un millimetro e tutti gli altri sistemi della Soyuz MS-22, compreso il sistema di propulsione, sono funzionanti.
In precedenza, il direttore generale di Roscosmos Yuri Borisov aveva affermato che la navicella spaziale Soyuz MS-23, che si trova già a Baikonur, potrebbe essere preparata per il lancio non prima del 19 febbraio. Ha anche affermato che gli Stati Uniti hanno teso una "mano amica" e si sono offerti di riportare i cosmonauti russi sulle loro navi. Tuttavia, Borisov ha espresso la speranza che la spedizione della nave venga completata regolarmente entro i tempi indicati dal piano.
Prima dell'emergenza, era previsto che la Soyuz MS-23 sarebbe volata sulla ISS il 16 marzo e avrebbe portato sulla stazione i cosmonauti russi Oleg Kononenko e Nikolay Chub, nonché l'astronauta statunitense Loral O'Hara. L'equipaggio della Soyuz MS avrebbe dovuto tornare sulla Terra con i russi Sergey Prokopiev e Dmitry Petelin, così come l'americano Frank Rubio.
Alla stazione ci sono anche gli astronauti americani Nicole Mann e Josh Kassada, la cosmonauta russa Anna Kikina e il giapponese Koichi Wakata, arrivati sul Crew Dragon. Saranno sostituiti a febbraio dall'equipaggio del prossimo veicolo spaziale di questo tipo: il cosmonauta russo Andrey Fedyaev, gli astronauti statunitensi Stephen Bowen e Woody Hoburg e l'astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan al-Neyadi.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала